Euro Basket: impresa degli azzurri che mettono ko la Spagna. Gallinari e Belinelli sugli scudi
Euro Basket: impresa degli azzurri che mettono ko la Spagna. Gallinari e Belinelli sugli scudi
Basket

Euro Basket: impresa degli azzurri che mettono ko la Spagna. Gallinari e Belinelli sugli scudi

Non è una esagerazione usare il termine ‘impresa’ per definire la prestazione della nazionale azzurra di basket, capace di mettere al tappeto la Spagna di Gasol e Mirotic, nella gara valevole per il titolo europeo. Gli azzurri superano una delle favorite per il titolo europeo, e fanno passo in avanti deciso verso la qualificazione alla seconda fase di Euro Basket.

Addirittura gli azzurri, trascinati dai soliti Belinelli e Gallinari, hanno rifilato ben 105 punti ai più quotati spagnoli, un dato che rende appieno l’impresa realizzata dagli uomini di Pianigiani, con le tre stelle dell’Nba ,Gallinari (29 punti) Belinelli (27 punti) e Bargnani (18 punti) sugli scudi e una prova di squadra mai vista da diversi anni a questa parte. Decisivi anche i rimbalzi offensivi di Gentile e Melli, la difesa perimetrale di Marco Cusin (con stoppata) su Rodriguez. Una vittoria che fa morale e regala la certezza che questa squadra, al massimo delle proprie potenzialità, può competere contro chiunque, e giocarsi fino alla fine il titolo per arrivare sul tetto d’Europa.

Dopo la sconfitta contro la Turchia, e la vittoria non esaltante davanti alla piccola Islanda, e l’infortunio di capitan Datome, si temeva soprattutto l’impatto della gara contro la corazzata spagnola, guidata sottocanestro dal talento indiscutibile di Pau Gasol (autore di 34 punti). Ma, fin da subito, si è avuta la certezza che per la squadra di Pianigiani l’impresa poteva davvero essere nell’aria, trascinata da un Bargnani sontuoso su entrambi i lati del campo, un Gallinari imprendibile, e le conclusioni da fuori di Belinelli, mai cosi ‘mano calda’ da un po di tempo a questa parte.

L’Italia aveva tenuto testa agli avversari già nei primi due tempi, che si erano chiusi con un +4 a favore degli iberici.

Ma il capolavoro è stato compiuto nel terzo quarto con un parziale di +10 per gli azzurri, che gli spagnoli non hanno mai saputo dare l’impressione nell’ultimo quarto, di sapere rintuzzare. Gli azzurri chiudono con un +7, 105-98 ed è apoteosi. Adesso gli azzurri sono attesi da Germania e Serbia, per sognare ancora.

Leggi anche