> > Fa due ore di coda per la terza dose ma viene respinto perché risulta morto

Fa due ore di coda per la terza dose ma viene respinto perché risulta morto

Vaccino

L'uomo aveva intenzione di sottoporsi alla terza dose di vaccino, ma risultava deceduto: è accaduto a Forlì.

Un signore di Forlì aveva intenzione di fare la terza dose di vaccino anti Covid-19, così come il governo raccomanda da diverso tempo, al fine di arginare i contagi del coronavirus in vistosa crescita.

Un diritto più che sacrosanto, a beneficio della sua salute (e di quella del prossimo), ma è stato rifiutato. Il motivo? L’uomo risultava deceduto! È accaduto a Forlì.

Due ore di fila per la terza dose, ma è costretto a tornare a casa

Il protagonista della vicenda ha fatto prima due ore di fila per potersi sottoporre alla terza dose di vaccino (detta anche booster) ma è stato costretto ad andare via.

Per un disguido tecnico, l’uomo risultava deceduto. Comprensibile la preoccupazione da parte del poverino per la sua incredibile situazione. 

Terza dose rifiutata in quanto deceduto: le dichiarazioni dei parenti

I parenti dell’uomo hanno rilasciato ulteriori informazioni circa l’episodio tramite alcune dichiarazioni riportate da Strettoweb: “Neanche una conoscenza fra i dottori, che ha garantito fosse proprio lui, ha potuto evitare di dover andare a casa senza il vaccino fatto…”.

Terza dose rifiutata a “deceduto”: storia conclusasi a lieto fine 

Inizialmente all’uomo sarebbe stato detto che avrebbe dovuto essere lui a contattare nuovamente il servizio sanitario dopo qualche giorno, per sapere se il problema fosse stato risolto. Alla fine, la vicenda ha avuto una conclusione positiva: il disguido tecnico presente nel sistema è stato risolto e ciò ha permesso allo sventurato di poter fare la terza dose.