Facebook imita Tinder: nuova funzione per gli incontri
Facebook imita Tinder: nuova funzione per gli incontri
Tecnologia

Facebook imita Tinder: nuova funzione per gli incontri

Zuckerberg all'F8 2018
Zuckerberg all'F8 2018

Mark Zuckerberg ha annunciato le novità di Facebook che saranno lanciate nei prossimi mesi, tra cui una funzione che imita la nota Tinder.

Novità all’orizzonte per tutti gli utenti di Facebook. Si è appena concluso a San José l’F8, l’annuale conferenza durante la quale Facebook presenta le modifiche che intende apportare al proprio sito e dialoga con gli sviluppatori di applicazioni e servizi che collaborano con l’azienda. Durante l’F8 di quest’anno, è intervenuto lo stesso CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, che ha illustrato le novità in arrivo. preferendo non fare esplicito riferimento al caso Cambridge Analytica. Tra le innovazioni, quella più interessante riguarda la possibilità di organizzare appuntamenti tramite l’applicazione. Un vero e proprio attacco a Tinder.

Facebook come Tinder

Tinder è probabilmente la più famosa app per il dating online, cioè un’applicazione che consente di mettersi in contatto con persone, ottenere appuntamenti e, potenzialmente, iniziare una relazione sentimentale. Sembrava un campo di cui Zuckerberg aveva scelto di non occuparsi, o almeno fino a questo momento. È in arrivo una nuova funzione all’interno dell’applicazione, che consentirà proprio di trovare persone con interessi simili per facilitare l’incontro con l’anima gemella.

L’obiettivo, ha dichiarato Zuckerberg, non sono le storie occasionali ma le relazioni stabili e di lungo periodo. E tutto questo senza bisogno di scaricare nuove applicazioni e di creare nuovi profili.

La novità ha ovviamente preoccupato i proprietari di applicazioni come Tinder e OkCupid, che temono di vedersi sottrarre utenti dal ben più noto e diffuso Facebook. Questa preoccupazione ha subito avuto effetti anche sulle quote in borsa delle aziende di dating, che hanno subito un calo del 17%.

La questione della privacy

Può sembrare strano che Facebook abbia deciso di lanciare questa novità proprio ora, dopo le pesanti critiche rivolte all’azienda per la gestione dei dati dei suoi utenti. È il momento giusto per proporre un’ingerenza ancora maggiore di Facebook nella nostra vita privata? Zuckerberg non pare esserne preoccupato.

Il servizio di dating offerto sarà infatti opzionale e – pare – completamente sicuro. Il profilo per gli incontri infatti non verrà mostrato a nessuno che faccia parte della propria cerchia degli amici, esattamente come già avviene per Tinder, che esclude automaticamente gli amici di Facebook.

Inoltre, agli altri utenti verrà mostrato solo il nome, senza il cognome, per rendere più difficile risalire al profilo pubblico.

Nel caso in cui due utenti sceglieranno di mettersi in contatto, la conversazione avverrà su una chat apposita, diversa da quella di Messenger utilizzata per comunicare con i propri amici.

Le altre novità: Clear History

L’opzione per il dating non è l’unica novità presentata all’F8. Restando in tema di privacy, l’azienda ha deciso di offrire ai suoi utenti un nuovo servizio chiamato Clear History. Si tratta della possibilità di scoprire quali informazioni sono state utilizzate dai siti che si servono dei dati di Facebook e, se lo si desidera, di disattivare la condivisione di tali informazioni. Si tratta, evidentemente, della risposta dell’azienda alle richieste degli utenti circa una maggiore privacy e trasparenza sull’utilizzo dei propri dati personali.

La nuova faccia di Messenger

Messenger, l’applicazione di Facebook per la messaggistica istantanea, cambia volto. In questo caso si tratta di una novità che riguarda prevalentemente l’estetica.

Molti utenti infatti hanno lamentato una certa confusione nella chat, soprattutto se utilizzata da smartphone non recentissimi. Zuckerberg ha così lanciato Messenger Lite, dalla struttura fortemente semplificata. Inoltre, è possibile attivare la modalità notturna, che prevede lo schermo nero e le scritte in bianco per causare meno disturbo agli occhi.

WhatsApp

Nel caso di questa diffusissima applicazioni, le novità presentate sono molto limitate, segno di un basso desiderio di cambiamento da parte degli utenti. Le uniche innovazioni sono la possibilità di effettuare videochiamate di gruppo e di inviare adesivi nelle chat, come avviene già su Messenger.

Instagram

Piccoli cambiamenti anche per Instagram, che offrirà la possibilità di condividere nelle storie temporanee attività diverse, svolte in quel momento. Per esempio, sarà possibile far sapere a tutti i propri follower la canzone ascoltata su Spotify o la foto realizzata con l’app di GoPro.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 422 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.