> > Fake news, un pericolo da evitare: istruzioni per l'uso

Fake news, un pericolo da evitare: istruzioni per l'uso

Fake news

Le fake news sono sempre in agguato. Tra queste, nuove bufale sul governo Conte

Ci piace il falso.

Le notizie false vengono facilmente vendute. Le famosissime “fake news” sono notizie prive di qualsiasi fondamento di veridicità e lontane dal rispetto dei principi di oggettività e lealtà giornalistica. Irrispettose della deontologia professionale, queste notizie vengono divulgate a macchia d’olio. E’ sufficiente la voce sentita su un marciapiede, in spiaggia, al bar o in coda alla cassa del supermercato. Così inizia un circolo vizioso, che porta a un’incontenibile diffusione di chiacchiericci frivoli e menzognieri.

Difendersi da esse è difficile, soprattutto nel mare magnum della rete, in cui affannosamente navighiamo ogni giorno.

Fake news: come difenderci

Da sempre le belle copie di cinture, borse, scarpe di lusso vengono vendute tra gli ombrelloni dei nostri stabilimenti balneari, ma anche in riva al mare e nei marciapiedi. Stessi colori, forme e fantasia. La differenza c’è (eccome se c’è), ma non si vede. Sono dei fake.

L’obiettivo dei loro venditori è scontato: trarre guadagno dalla vendita illegale di prodotti dei grandi marchi della moda italiana e internazionale.

Fanno soldi usando in maniera fraudolenta la popolarità di un marchio. Chi compra solitamente è consapevole di portare a casa un falso.

Un confine meno nitido, spesso confusionario e soggetto a cattiva interpretazione, è quello delle bufale online. E’ scoppiato un dibattito globale, difficili comprendere quali siano gli attori in caso e quali meccanismi ne comportano la diffusione.

Navigare consapevolmente è fondamentale per non essere tratti in inganno dalle fake news. E’ cosa buona verificare le fonti e assumersi la responsabilità di quanto viene condiviso.

Bisogna controllare l’effettiva data di pubblicazione. Questo perché molto spesso si spacciano per nuove notizie vecchie, spesso obsolete. Così, andranno ad assumere connotati, sfumature e significati ben differenti. Troppo spesso, invece, ci si sofferma solo sul titolo dell’articolo, senza leggerlo nella sua interezza.

La fake news del governo Conte

Tra le tante fake news diffuse anche nel nostro Paese l’ultima ha davvero dell’incredibile. Una foto diffusa sui social e su tutti i principali sistemi di messaggistica ha messo in circolazione bufale riguardanti il nuovo governo giallo-verde.

Tra le notizie diffuse vi è quella inerente all’aumento dei posti di lavoro. Si parla di ben 312 mila nuove occupazioni nell’arco di appena 30 giorni. E ancora, Conte e la sua squadra, così si legge nell’immagine incriminata, hanno ridotto il deficit del o,2%. Inoltre, sarebbero stati in grado di rinegoziare gli accordi con Bruxelles. Tutto nel giro di un mese.

Letta a mente lucida è evidente che la notizia ha dell’incredibile. Realizzare traguardi di tale portata in soli 30 giorni sarebbe un record di difficile raggiungimento. La fonte non è nota (il che conferma il carattere di fake news). Eppure, probabilmente, si tratta di qualche fautore del governo grillino e leghista.

Fake news