×

Farmaci per il naso che cola

default featured image 3 1200x900 768x576

Il naso che cola — noto anche come rinorrea — si riferisce alla produzione di un eccesso di fluidi nasali causata da condizioni come l’allergia e il raffreddore comune. Ci sono molti farmaci per il trattamento del naso che cola, la maggior parte dei quali possono essere acquistati in farmacia senza prescrizione.

allergieshayfeverpollen 1 fl oz  45e06d9e1af8f4.33902818
Antistaminici
Gli antistaminici sono farmaci che inibiscono gli effetti dell’ istamina, una sostanza chimica che provoca i sintomi dell’allergia, come il naso che cola e starnuti. Secondo Merck.com,gli antistaminici hanno effetti anticolinergici che aiutano a seccare le mucose, riducendo le secrezioni nasali.

Difenidramina, cetirizina e loratadina sono tra i tanti antistaminici oggi disponibili.

Decongestionanti orali</str
Più spesso consigliati per la congestione nasale, i decongestionanti possono anche contribuire a ridurre l'infiammazione nasale associata alla rinorrea. Decongestionanti come la pseudoefedrina e fenilefrina sono inclusi in molti farmaci per l'allergia.

Spray nasale
Spray contenenti vasocostrittori come propilesedrina o levometanfetamina possono aiutare a restringere i vasi sanguigni del naso, portando ad una riduzione della rinorrea e altri sintomi allergici.

Spray nasali di corticosteroidi come mometasone e fluticasone sono disponibili da prescrizione e possono essere utili per i casi più persistenti del naso che cola.

Considerazioni
Evitare situazioni che causano irritazione nasale può aiutare a prevenire il naso che cola. Secondo MayoClinic.com, sostanze irritanti come il fumo delle sigarette e prodotti di pulizia chimici possono provocare naso che cola in individui sensibili, come l’esposizione ad allergeni come gli acari della polvere, pollini e alcune proteine ??alimentari.

Avvertimento
Raramente, il naso che cola può segnalare una condizione più grave. Consultare un medico se si verifica il naso che cola accompagnato da muco giallo, verde o sangue o se i sintomi durano più di 10 giorni.

Contents.media
Ultima ora