×

Federazione di centrodestra: cos’è, chi è favorevole e chi è contrario?

L'accordo tra le forze di governo di centrodestra potrebbe presto essere realtà: a cosa porterà la Federazione proposta da Matteo Salvini?

Sta per nascere una nuova alleanza del centro-destra?

La proposta di una federazione dei partiti di centrodestra al governo è realta, ad avanzarla è Matteo Salvini, il quale, tuttavia, ci tiene a precisare come quest’ultima non sarà nè una fusione nè, tantomeno un’annessione: “…una collaborazione; non sarà un partito unico, ma l’occasione di mettere spalle al muro la sinistra”.

I favoreli a tale iniziativa sono il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ed il suo secondo, Antonio Tajani. Resta tagliata fuori Giorgia Meloni, la quale ha comunque speso belle parole in merito al progetto.

Federazione di centrodestra: cos’è

Le idee del leader della Lega sono piuttosto chiare: “si baserà su progetti comuni e sarà una opportunità per tutti e anche per il Paese, perché velocizzerà, unirà e accelererà il lavoro sulle riforme.

Parleremo con un’unica voce e così facendo sveltiremo l’approvazione di decreti, emendamenti, faciliteremo le riforme del fisco e della giustizia, codice degli appalti e tagli Irpef”.

Le intenzioni sono dunque quelle di massimizzare l’efficacia e l’efficienza della rappresentanza al governo di tutti i partiti del centrodestra, motivo per il quale resta escluso dal progetto Fratelli d’Italia (attualmente all’opposizione), la cui leader, Giorgia Meloni, ha tuttavia dichiarato: È un’operazione che guardo con assoluto rispetto.

Qualsiasi cosa decidano di fare è una scelta loro. Io ho sempre pensato che le differenze fra i partiti di centrodestra fossero anche un valore aggiunto. L’operazione non è rivolta contro di me, ma contro la sinistra”.

LEGGI ANCHE >>> Salvini: il centrodestra non è diviso.

Federazione di centrodestra: chi è favorevole

Secondo l’europarlamentare e Vicepresidente del Partito Popolare Europeo Antonio Tajani, la proposta verrà ascoltata in quanto proveniente da un alleato di governo.

Anche Silvio Berlusconi ha accolto favorevolmente la cosa, definendola un’opportunità per dare maggior forza alle battaglie storiche del centrodestra.

Perno centrale del progetto, sembra essere proprio l’opportunità di bloccare le iniziative della sinistra, come affermato dallo stesso Salvini: “Non sarà un partito unico, ma l’occasione di mettere spalle al muro la sinistra”.

Federazione di centrodestra: chi è contrario

Non mancano, comunque, pareri contrastanti, tra cui quelli delle ministre Mariastella Gelmini e Mara Carfagna, (per gli Affari Regionali l’una, per il Sud, l’altra), le quali hanno voluto far presente un timore assai diffuso all’interno del partito, ovverosia quello dell’annessione (lenta, ma totale) di Forza italia da Parte della Lega.

Sebbene nessuna delle due abbia palesemente espresso un rifiuto incondizionato, l’idea generale rimane quella di un centrodestra sicuramente unito ma plurale, ma non annacquato in una federazione”.

Contents.media
Ultima ora