Figlia di coppia gay scrive ad Avvenire: I bambini degli omosessuali non sono strani - Notizie.it
Figlia di coppia gay scrive ad Avvenire: I bambini degli omosessuali non sono strani
Attualità

Figlia di coppia gay scrive ad Avvenire: I bambini degli omosessuali non sono strani

20120929-103615.jpg

Lisa Marie, 9 anni appena, figlia della presidente di “Famiglie Arcobaleno” associazione in difesa dei diritti delle coppie omosessuali con figli, ha scritto una lettera al quotidiano ultra cattolico Avvenire. Inutile sottolineare le posizioni dell’organo di stampa vaticana sull’omosessualità e sull’adozione per le coppie gay. Lisa Marie indirizza il suo breve messaggio a Giuseppe Di Mauro, presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, che proprio su Avvenire aveva detto:

“Siamo preoccupati perché i media parlano dell’argomento con troppa leggerezza”, ha detto Di Mauro. “Invece l’argomento è molto delicato e andrebbe valutato con maggiore rigore scientifico, soprattutto per le ripercussioni che comporta sulla crescita e lo sviluppo del bambino”.

Lisa Marie scrive:

Gentile signor Di Mauro, lei non sa come vivono le famiglie omosessuali ed è per questo che si vanta, e non deve dire cose che non sa. I bambini degli omosessuali non sono affatto strani e lei non si deve permettere di insultarli: sanno scrivere, disegnare, imparare, giocare, ecc…

Senta non le dico di cambiare la sua opinione ma almeno di non comunicarla a tutti per far loro cambiare idea su di noi, e la prego di rispettare i nostri diritti. La figlia della presidente delle Famiglie Arcobaleno. LISA

E dire che la piccola fino a poco prima non sapeva chi fosse Di Mauro. Come riporta l’Huffington Post, tutto è nato da un disegno che la piccola aveva fatto. Un disegno che non dimostrava inquietudine, disagio. La mamma di Lisa, orgogliosa lo ha ammirato e detto “questo lo mando a Di Mauro”. Lisa, incuriosita ha chiesto alla madre chi fosse. Quando la donna le ha spiegato chi era, Lisa, arrabbiata ha deciso di scrivergli personalmente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche