Fingeva incidente stradale e violentava ragazze: arrestato
Fingeva incidente stradale e violentava ragazze: arrestato
Napoli

Fingeva incidente stradale e violentava ragazze: arrestato

incidente stradale

Un uomo fingeva un incidente stradale per essere, e poi violentava le donne (tra cui una minorenne) che accorrevano ad aiutarlo.

Un uomo è stato arrestato perché fingeva un incidente stradale con la propria moto allo scopo di violentare le donne che accorrevano in suo aiuto. Due sono le vittime di questo omuncolo 45enne di Secondigliano, di cui una 16enne. I fatti sono avvenuti a luglio e a ottobre scorso. In entrambi i casi è stata utilizzata la stessa metodologia. Il 45enne adesso è indagato per violenza sessuale aggravata.

Incidente stradale finto

La necessità può aguzzare l’ingegno. È probabilmente questo che ha stimolato la creatività di un 45enne di Secondigliano, che è accusato di aver stuprato due ragazze. I fatti imputatigli risalgono a luglio e ad ottobre 2017. In tutto sono state violentate due ragazze, di cui una di soli 16 anni. Il bruto aveva sviluppato una particolare ed astuta tattica per arrivare alle vittime. Con la propria moto, fingeva di aver avuto un incidente, scegliendo come luoghi posti poco trafficati. A quel punto chiedeva di essere aiutato alla sfortunata che stava passando di lì in quel momento esatto.

Ignara di tutto, con la guardia abbassata al massimo, e spinta dalla gentilezza, la vittima si avvicinava al 45enne convinta di aiutarlo.

Invece, e a quel punto che il bruto entra in implacabile azione sulla sua preda, pronto a sfogare la sua malata perversione. Così, in questo modo, il violentatore ha agito in almeno due casi.

Ma tutto questo sembra essere finito. I carabinieri della tenenza di Sant’Antimo hanno effettuato un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti del 45enne di Secondigliano. Le indagini della Procura di Napoli Nord sono state innescate in seguito alla denuncia delle due ragazze, che hanno fatto riferimento ai due distinti episodi. Subito, è apparso chiaro che con ogni probabilità si trattava dello stesso violentatore.

Sudamericano si finge autista

A volte, l’impulso perverso che porta a violentare una donna può portare proprio ad ingannare le proprie vittime, come un predatore che si mimetizza in attesa del momento migliore per aggredire una preda. A fine settembre dello scorso anno, a Milano, un sudamericano, dopo essersi finto autista, ha violentato una turista canadese di 20 anni, reduce da una serata a tassi alcolici elevati.

Lui, 50 anni anni, inizialmente imbocca la strada per portarla a casa, ma poi improvvisamente ferma l’auto ed aggredisce la ragazza, che si aspettava di finire in questa situazione. Le i prova a difendersi, ma invano perché il bruto è robusto e alto.

Per fortuna la vittima riesce a suonare il clacson, attirando l’attenzione dei residenti della zona, che scendono in strada e cercano di soccorrere la ragazza. Tuttavia, l’uomo si allontana dalla zona per poi abbandonare la poveretta, ormai stremata e sotto choc. La vittima verrà subito soccorsa. Il bruto verrà invece fermato nel pomeriggio successivo dalle autorità milanesi, anche grazie alla denuncia di chi inizialmente era sceso in strada a soccorrere la sfortunata turista canadese.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.