Fiordi norvegesi immortalati con la Go Pro: le foto
Fiordi norvegesi immortalati con la Go Pro: le foto
Viaggi

Fiordi norvegesi immortalati con la Go Pro: le foto

fiordi norvegesi

Le fotografie del norvegese Tomas Furmanek dal suo kayak riescono a immortalare la bellezza dei fiordi e dei laghi del nord della Norvegia

Il fotografo e canottiere amatoriale Tomasz Furmanek ha immortalato la suggestiva bellezza dei fiordi norvegesi e dei laghi della spettacolare regione da un insolito punto di vista, ovvero dal suo kayak. La maggior parte delle immagini è stata realizzata con una fotocamera GoPro. In condizioni climatiche favorevoli, il fotografo è stato in grado di immortalare in una perfetta simmetria la natura incontaminata riflessa negli specchi d’acqua.

fiordo1fiordo2

L’intento di Furmanek è stato in particolare quello di trasmettere a chi guarda le sue foto il medesimo senso di pace e tranquillità che si prova navigando per le acque norvegesi. Ovvio quindi nascere il desiderio di recarsi in queste località remote, così difficili da raggiungere via terra.

Fiordi norvegesi: uno scorcio ideale sul passato

In Norvegia ci sono più di mille fiordi. La maggior parte di quelli da cartolina, come il Nærøyfjord, il Sognefjord, il Lysefjord e il Geirangerfjord, si trovano sulla costa occidentale. I fiordi assomigliano a laghi azzurri, ma le loro acque sono salate.

I loro bracci, infatti, hanno origine dal mare che si insinua nell’entroterra, attorniati da maestose scogliere su tutti i lati. Dalle loro pareti quasi verticali scendono possenti cascate che si generano dallo scioglimento dagli alti ghiacciai.

fiordo3fiordo4

I fiordi spesso si intrecciano tra loro ed è possibile navigare da uno all’altro o verso il mare. Ad ogni modo, quando si ha la fortuna di poterli visitare ci si sente come immersi in un universo parallelo e del tutto isolato. Tuttavia, la chiave per capire come mai siano il simbolo e l’attrazione più famosa della Norvegia, risiede proprio in ciò che essi rappresentano.

fiordo5fiordo6

I fiordi e le aree circostanti sono evocativi in particolare delle immagini della Norvegia del passato. Di un tempo in cui la gente viveva coltivando la terra in un ambiente ripido e roccioso. A quel tempo si poteva raccogliere la frutta dagli alberi in fiore. Allo stesso modo, una testa di pecora era considerata una vera e propria leccornia! Se i paesaggi possono sembrare indomiti e selvaggi, le aree dei fiordi sono in ogni caso piuttosto facili da esplorare.

Possono essere visitati sia da soli sia con l’ausilio di una guida. Ci sono piccoli villaggi sparsi ovunque e molti sentieri dove poter fare escursioni, sia in montagna che sui ghiacciai.

Fiordi Norvegesi: alcune curiosità

L’Unesco ha incluso i fiordi norvegesi, rappresentati da Geirangerfjord e Nærøyfjord, nella sua nota Lista del Patrimonio Mondiale. I fiordi vengono spesso descritti come «opera d’arte della natura». Questo grazie alla ritirata dei ghiacciai e all’inondazione da parte del mare delle valli a forma di U. Gudvangen e Geiranger, i due villaggi più interni del Nærøyfjord e del Geirangerfjord, sono tra i più popolari porti delle navi da crociera della Scandinavia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche