×

Flamini ed il sostegno in Birmania

default featured image 3 1200x900 768x576

flamini milan
Le parole di Flamini che ha sostenuto la Birmania hanno la voce della solidarietà:
Abbiamo creato una squadra.

Con l’Aids si può vivere, ci si può curare, ma le cure costano e non sono accessibili a tutti, soprattutto in Paesi poverissimi come la Birmania. Ho provato a fare qualcosa e spero di ripetere l’esperienza l’anno prossimo, magari in un altro posto. C’è tanta gente che soffre e accetta con il sorriso le prove peggiori. Ho visto chi non ha niente reagire in maniera positiva a qualsiasi aiuto e essere contento soltanto perché c’era gente che prestava attenzione.

Io al posto di certi ragazzi di vent’anni con la flebo al braccio non avrei reagito con la stessa grazia alla presenza e alla curiosità delle persone. Quelli che ho vissuto in Birmania sono stati giorni speciali che mi hanno fatto riflettere su tante cose“.
Il giocatore dell’ Ac Milan ha deciso di presentarsi di persona in Birmania per stare a contatto con gli abitanti e fare beneficenza sul posto piuttosto che a distanza.

Valentina Ligas
ligas.vale@live.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora