×

Coronavirus: sindaco Messina, 'vergogna di Stato gente bloccata a Villa'

Condividi su Facebook

Palermo, 25 mar. (Adnkronos) – – "Io non sono mai stato contrario a far passare questa gente, che è ostaggio della burocrazia e della mala politica. Siamo davanti a una vergogna di Stato, alla quale non ho contribuito e non voglio contribuire". Lo ha detto durante una lunga diretta Facebook il sindaco di Messina, Cateno De Luca, tornando a parlare del caso delle persone bloccate al porto di Villa San Giovanni e di quelle, a cui stanotte è stato consentito l’attraversamento dello Stretto, che si trovano "al momento all’hotel Europa e a Tremestieri".   In una nota inviata ai ministri dell’Interno e della Salute, al governatore siciliano e alla presidente della Regione Calabria, ai prefetti di Messina e Reggio Calabria e al sindaco della città metropolitana di Reggio Calabria il sindaco De Luca propone una soluzione per i viaggiatori bloccati da un capo all’altro dello Stretto.

"Dopo averli identificati tutti e aver raccolto la dichiarazione della località di destinazione – ha spiegato il primo cittadino – la nostra idea è quella di contattare i sindaci dei vari Comuni per informarli dell’arrivo dei passeggeri, che dovranno essere scortati sino alla destinazione finale. Qui la Polizia municipale si dovrà occupare di vigilare perché venga rispettata l’auto-isolamento. Ecco la nostra proposta che ovviamente è estesa anche al centinaio di persone attualmente bloccate a Villa".

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche