×

Fase 2: Sassoli, 'su Mes no a ragionamenti ideologici, tasso quasi come donazione'

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 9 mag. (Adnkronos) – Con la decisione di ieri dell'Eurogruppo sul Mes “abbiamo ottenuto l’istituzione di una linea sanitaria senza alcuna condizionalità, e l’accesso è libero. All’Italia toccano 37 miliardi. Se saranno utili lo vedrà il governo, ma farne un ragionamento ideologico è sbagliato.

Abbiamo ottenuto un tasso dello 0,1% sotto cui c’è solo la donazione”. Lo ha affermato il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ospite sulla piattaforma Immagina dei ‘Dialoghi sul cambiamento’ insieme alla presidente del Pd, Valentina Cuppi, nel giorno della Festa dell’Europa.

“Adesso -ha aggiunto- possiamo concentrarci sulla fase 2. Perché è vero che usciremo diversi da questa crisi, ma dobbiamo fare ogni sforzo per uscirne migliori. In tre settimane l’Europa ha messo a disposizione dei Paesi 820 miliardi di risorse e di strumenti, a cui vanno aggiunti gli 870 miliardi della Bce.

Adesso dobbiamo concentrarci sulla fase 2 con visione e pragmatismo”.

“La cosa più importante adesso è lavorare giorno e notte per capire dove mettere i soldi. I governi devono concentrarsi sui meccanismi giusti per far arrivare i soldi ai cittadini. Perché se le risorse non arrivano ai cittadini, non è un problema dell’Europa ma dei governi, che sono un pezzo dell’ingranaggio europeo e nel giorno della Festa dell’Europa è bene ricordarlo”.

Contents.media
Ultima ora