×

Fase 2: Gori, 'felice ma non esaltiamoci, sussidi governo non bastano'

Condividi su Facebook

Milano, 25 mag. (Adnkronos) – E' arrivato (ieri) il primo giorno, pare, senza morti in Lombardia e il sindaco di Bergamo Giorgio Gori si dice "felice" se il dato venisse confermato. "E' la notizia che aspettavamo da quando è iniziato questo incubo.

Non esaltiamoci, però. Magari domani ci sarà un nuovo decesso, ma sicuramente è un altro passo verso una situazione sotto controllo", dice intervistato dal quotidiano La Stampa. "Un diffuso senso di sollievo si traduce nel desiderio di stare fuori, quindi in un nuovo problema. Venerdì sera è stato faticoso, con piazze strapiene, sabato la pioggia ha aiutato a non riempirle, domenica è stata molto più tranquilla", spiega il primo cittadino che, come gli altri sindaci, 'combatte' il rischio assembramenti in una città fra le città più colpite dal coronavirus.

"Dal punto di vista economico una stima parla di 3 mila posti di lavoro persi, ma secondo me è troppo ottimistica. All'anagrafe, dal primo marzo contiamo 670 morti in più rispetto al 2019, e già questo dato è tragico. È come se dove è nata l'epidemia, a Wuhan, che è cento volte più grande di Bergamo, ci fossero stati 65 mila morti. I decessi sono stati molto più numerosi perché le statistiche contano solo chi ha fatto il tampone, un minoranza", perché "non ci si è organizzati in tempo per farne di più".

Una colpa che Gori distribuisce anche al governo. "Io ho partecipato a una trasmissione tivù con un viceministro della Salute che annunciava 5 mila tamponi al giorno, ma realtà erano solo gli stick. Mancavano i reagenti, la gara è stata aperta solo due giorni dopo e hanno partecipato 59 aziende. Ci si fosse mossi prima, a Milano e a Roma, avremmo evitato molti guai", sottolinea Gori che non boccia l'esecutivo di Conte.

"Il governo si è trovato di fronte a necessità infinite, a un Paese dove tutti hanno bisogno di aiuto. La manovra da 55 miliardi è impressionante anche solo come mole di carta: sono quasi 500 pagine. Però i sussidi non bastano. Servono gli strumenti per il rilancio, in primo luogo della formazione". "Il M5s ha una mentalità assistenzialista. E anche nel Pd la cultura che porta a scommettere sull'impresa non è forte", se la risposta alla crisi "è puntare sull'assistenza invece che sull'imprenditorialità non si aiuta questa specificità settentrionale", conclude Gori.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.