×

Mandelli (Fofi): "Territorio va potenziato ora con i fatti, basta teorie"

Condividi su Facebook

Roma, 4 giu. (Adnkronos Salute) – La drammatica esperienza della pandemia deve spingerci "a organizzare e programmare la sanità per seguire meglio i cittadini. Dobbiamo avere veramente il coraggio di dire che il paziente cronico stabilizzato va gestito sul territorio e l'acuto in ospedale.

E farlo subito. Se non ora quando? Altrimenti, per il futuro, ci attendono solo scelte di retroguardia". Lo ha spiegato il presidente della Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi), Andrea Mandelli, intervenendo alla presentazione, in conferenza stampa, di 'OncoCare – Networking in oncologia', documento edito da Edra in collaborazione con Sandoz e Novartis, che raccoglie gli interventi di autorevoli professionisti impegnati sul fronte della gestione della cronicità virtuale per tracciare l'identikit del farmacista del territorio oncologico.

Per Mandelli è ora di passare rapidamente "dalla teoria ai fatti organizzando la rete territoriale con competenze, come nel caso della specializzazione dei farmacisti per i pazienti oncologici. E con risposte concrete", in una rete di collaborazione con i medici di medicina generale e gli infermieri di famigla, senza 'arroccamenti di categoria'. "Rimango stupito a vedere che, di fronte ad esigenze di ampliare la platea delle vaccinazioni, come tutti diciamo in tutto il mondo, abbiamo ancora risposte di 'maglietta' su chi deve fare cosa.

Ci rendiamo conto che siamo in un era diversa? Considerare il futuro con il centimetro che abbiamo utilizzato fino ad ora ci fa essere anacronistici", ha aggiunto ricordando che l'emergenza "ci ha insegnato che il territorio non può essere gestito che con i farmacisti: durante tutti questi mesi siamo rimasti sul territorio. A dare risposte e pagando anche un prezzo elevato, con 1200 farmacisti contagiati".


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.