×

Gregoretti: Salvini in aula, 'ho fatto il mio dovere, ora Draghi controlli i confini'/Adnkronos (3)

default featured image 3 1200x900 768x576

(Adnkronos) – Poi, parlando del governo, dopo avere detto di avere mandato un messaggio al segretario del Pd Nicola Zingaretti, ha chiesto anche che il Pd "non perda un mese solo a discutere di poltrone". E ha aggiunto: "Sono contento che mentre il Pd e il M5s litigano su leadership e gestioni interne, la Lega sia concentrata interamente sui problemi degli italiani".

Aggiungendo: "Io posso dire con tranquillità che l'Italia e il presidente Draghi possono contare sull'apporto e supporto compatto della Lega". "Spero che il dibattito non vada avanti per un mese sulle difficoltà del Pd o dei Cinque stelle", ha aggiunto. Ma ha anche fatto sapere che "durante una pausa dell'udienza" ha contattato "le istituzioni indiane perché la mia priorità è una rapida, concreta e seria collaborazione dal punto di vista vaccinale tra Italia e India, Italia e Israele e Italia e tutti i Paesi che sono a disposizione per ottenere più dosi di vaccino".

A chi gli chiede se ne ha parlato con Draghi replica secco: "Non ne ho parlato con il premier, con lui dobbiamo chiudere subito sul decreto Rimborsi per dare una risposta ad imprenditori che aspettano da mesi ciò che gli spetta". Non ha voluto, invece, parlare dell'annuncio del premier ungherese Orban di un gruppo politico in Europa con Salvini e Meloni. "Ne parleremo quando l'Italia sarà messa in sicurezza dal punto di vista sanitario e del lavoro", si è limitato a dire.

Poi, prima di lasciare Catania, c'è stato il tempo per un breve brunch sul lungomare di Ognina, dove Salvini ha incontrato un gruppo di rappresentanti di associazioni di categoria di commercianti, che chiedono aiuto al Governo. "Siamo allo stremo", hanno detto al leader della Lega.

Intanto, Matteo Salvini, dovrà tornare in Sicilia il prossimo 20 marzo per l'altro procedimento giudiziario che lo vede imputato per sequestro di persona, questa volta a Palermo, per la vicenda Open Arms. "La mia presenza in Sicilia è costante e garantita. Spero, dal 15 maggio, di tornare per fare altro…".

(di Elvira Terranova e Francesco Saita)


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora