×

Coronavirus: Axa, 250mila euro a Università Genova per studiare impatto psicologico

Condividi su Facebook

Roma, 23 ott. (Adnkronos Salute) – Un fondo di 250mila euro per studiare l’impatto del lockdown sul benessere psichico e sociale della popolazione italiana, con particolare riferimento agli anziani e ai soggetti vulnerabili. Questo l'obiettivo di uno di uno dei 10 progetti vincitori del bando Axa per la ricerca sul Covid-19, che sarà coordinato dal Dipartimento di Neuroscienze, riabilitazione, oftalmologia, genetica e scienze materno-infantili dell’Università di Genova.

Il progetto, della durata di 18 mesi – si legge in una nota – è incentrato sull’analisi di grandi basi dati al fine di quantificare gli effetti diretti e indiretti che la pandemia da Covid-19 ha avuto e avrà sugli stili di vita, sui fattori di rischio comportamentali e sulla salute mentale delle categorie più a rischio. Principal Investigator, Gianluca Serafini, associato di Psichiatria.

Un tema di grande attualità, quello dell’impatto della pandemia sulla salute psicologica delle persone, come emerge anche da una recente ricerca Axa – prosegue la nota – che ha evidenziato come Covid-19 non abbia impatti solo da un punto di vista clinico ma anche sul benessere mentale delle persone, in particolare in quei Paesi come l’Italia dove le misure restrittive e i numeri del contagio sono stati particolarmente intensi.

Il lavoro di ricerca di Serafini fa parte dei 10 progetti selezionati dal Comitato Scientifico dell’Axa Research Fund, fondo internazionale per la ricerca scientifica promosso dal Gruppo Axa, tra 513 candidature ricevute, tutte provenienti da università di primo livello di 57 Paesi. Ai 10 progetti è assegnato un finanziamento complessivo di 2,2 milioni di euro, per un totale di 5 milioni di euro stanziati dal Fondo dallo scorso aprile. Complessivamente, ammonta a 13 milioni di euro il finanziamento da parte dell’Axa Research Fund per sostenere la ricerca sulle malattie infettive e le pandemie.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media