×

Fotografo milanese ucciso a Bangokok

Un’altra morte sul campo, l’ennesima per chi ha scelto di raccontare agli altri le tragedie del mondo. Ieri è toccato a Fabio Polenghi, fotografo, mentre si trovava a Bangokok, capitale della Thailandia, per seguire gli scontri tra le milizie governative e le camiecie rosse che da qualche settimana hanno sconvolto il Paese.

Al momento dell’uccisionse si trovava a Saladeng, a circa un chilometro dal centro del campo degli oppositori, quando è stato colpito al torace e all’addome, i colleghi l’hanno portato subito in ospedale, ma inutilmente. La notizia da un’amica di famiglia che guardando la televisione l’aveva riconosciuto: “L’avevo sentito ieri sera. Mi aveva detto che stava bene e che era tutto ok”. Single, 45 anni, aveva passato la vita a girare per il mondo, in particolare per il Sudamerica, e faceva il free lance dal 2004, vantando collaborazioni importanti come quelle per Grazia Neri Vanity Fair, Vogue, Marie Claire, Elle.
Commossi e scossi i colleghi.

Queste le parole di Grazia Neri: “No, non ho parole. Anche Fabio. E’ terribile, un altro che se ne va. Ognuna di queste notizie mi prende il cuore. Ho in mente il suo viso. Proprio ieri ero a World Press Photo e commentavo con i colleghi come i fotografi siano sempre più vicino al pericolo, sempre più dentro…”.

“Non era una persona che raccontava delle storie o che voleva politicizzare tutto ad ogni costo – dice il collega francese Fabrice Laroche che con Polenghi aveva lavorato per anni – Cercava le emozioni nella gente e non parteggiava per nessuno. Non aveva affatto l’abitudine di battersi per una causa, voleva essere piuttosto un testimone. Era una persona eccezionale e io sono davvero scosso dalla notizia della sua morte”.

“Veniva dal mondo della moda – prosegue – e per vocazione, io credo, ha scelto poi di lavorare in ambiti più personali e sulle relazioni umane. Abbiamo lavorato insieme ad un documentario su Cuba, abbiamo cercato di raccontare una storia familiare. Lui era uno che amava molto parlare delle relazioni personali”.

Scrivi un commento

300
Caricamento...

Leggi anche