×

Francia, vaccinatrice no vax falsifica e vende green pass a 500 euro: arrestata

Vaccinatrice falsifica e vende green pass a 500 euro: arrestata dalla polizia francese una delle tante persone che lucrano sulla situazione attuale

Falsificava e rivendeva green pass: arrestata donna francese

Non solo  messaggi truffa e proteste di piazza contro il green pass in Francia, ma anche tentativi criminali di lucrarci sopra, come quello di una vaccinatrice no vax che falsifica e vende green pass a 500 euro: la donna è stata arrestata.

E la donna in questione aveva una sorta di doppia natura: era vaccinatrice di giorno e falsificatrice di green pass di notte. Tanto dedita a falsificare i certificati che nella Francia di Emanuel Macron stanno portando le folle nelle piazze da dichiararsi immediatamente una convinta no vax appena le manette della Policie Judiciaire si sono strette ai suoi polsi. 

Falsifica e vende green pass: arrestata vaccinatrice di una banlieue parigina 

L’arrestata è laureata in farmacia e prestava opera in un hub vaccinale di l’Hay-le-Roses, una banlieue di Parigi. Il suo modus operandi era tutto sommato semplice: su Snapchat rivendeva pass sanitari contraffati a 250 euro l’uno e foraggiava quel mercato nero della libertà di circolazione che nella Francia di Macron pare essere diventato un vero must criminale da quando il 12 luglio sono entrate in vigore le nuove ed osteggiate regole.

Tutto era partito da alcune verifiche effettuate venerdì 16 luglio scorso, quando un ragazzo con 46 green pass falsi e 2.600 euro era stato fermato dalla polizia. In buona sostanza l’uomo era di fatto il “pusher”, mentre la preparatrice era la sua complice, la donna arrestata che firmava quei certificati. 

Donna falsifica e vende green pass, arrestata: ora è caccia agli acquirenti

Va da sé che la mission prioritaria degli agenti del 36 di Quai dei Orfèvres è risalire ai clienti, a coloro cioè che in queste ore sono in giro con pass falsi a cui non corrisponde una effettiva vaccinazione e che sono di fatto potenziali vettori del virus nella sua forma più prolifica e innescatrice di nuove mutazioni.

I due fermati sono detenuti e i colleghi della donna arrestata si sono detti “furiosi” sulle colonne di Le Parisien: “Sembrava una persona seria. Adesso perderà tutto: il suo lavoro qui e quello alla farmacia”. 

Farmacista falsifica e vende green pass: cosa prevede la legge francese per chi attua questa truffa

Dal canto suo il sindaco di l’Hay-de-Rose Vincent Jeanbrun, che ha collaborato con la polizia nei giorni scorsi per individuare la ragazza, ha annunciato nuove misure di tracciabilità con una “carta di identificazione personale” per ogni vaccinatore. Solo negli ultimi sette giorni in Francia i social brulicano di offerte di compravendita con hashtag come #fauxpass. Basta dare al falsario dati personali, numero di previdenza sociale e in poche ore si ha un green pass falso, spesso anche grazie a “talpe” proprio negli spot vaccinali. I pagamenti avvengono attraverso Paypal, Moneygram o Western Union e vanno da 200 euro a circa 500 euro. La pena per questa truffa  arriva fino ad una multa di 45mila euro e 2 anni di prigione. 

Contents.media
Ultima ora