Friuli invaso dalle cimici: gli insetti sono migliaia e hanno invaso terreni e abitazioni
Friuli invaso dalle cimici: gli insetti sono migliaia e hanno invaso terreni e abitazioni
News

Friuli invaso dalle cimici: gli insetti sono migliaia e hanno invaso terreni e abitazioni

friuli invaso

Friuli invaso dalle cimici, lo scenario è simile a quello delle sette piaghe d'Egitto. Queste zone hanno già avuto a che fare con l'invasione degli insetti.

Friuli invaso dalle cimici, lo scenario è simile a quello delle sette piaghe d’Egitto. Non è la prima volta che la regione viene invasa da una grande quantità di insetti. Un anno fa è successa la stessa cosa. La zona maggiormente interessata dall’invasione è il medio Friuli e il Pordenonese, zone hanno già avuto a che fare con l’invasione delle cimici.

L’invasione

Friuli invaso da una grande quantità di cimici, queste sono le notizie che arrivano direttamente dal medio Friuli e più precisamente dal Pordenonese. La situazione è piuttosto grave e lo scenario ricorda quello delle sette piaghe d’Egitto. Sembra una battuta ma purtroppo è tutta la verità. I disagi maggiori colpiscono la popolazione ma non si escludono i danni ai terreni. Gli abitanti delle zone sono particolarmente preoccupati anche per il massiccio uso dei pesticidi che sono costretti ad utilizzare per poter mandare via, almeno in parte, le cimici. Il rischio però è quello di intossicarsi.

Urge per cui un metodo naturale che riesca a mandare via le cimici e che lasci in pace anche gli abitanti del posto. Alcuni cittadini di Pozzecco dichiarano che l’invasione è decisamente peggiore rispetto a quella dell’anno precedente. Sono tutti impossibilitati ad uscire di casa. Anche se hanno seguito alla lettera tutte le raccomandazione dell’Ersa, gli abitanti stanno riscontrando numerose difficoltà. L’epicentro dell’invasione è Pozzuolo, ma purtroppo anche Fagagna, Zompicchia, Flumignano, Talmassons, Polcenigo, Arzene, Chions e San Giorgio della Richinvelda stanno subendo la stessa condanna.

Rimedi poco efficaci

Al momento gli abitanti delle zone colpite sono preoccupati per la massiccia quantità di pesticidi che devono utilizzare per difendersi da questi insetti fastidiosi e puzzolenti. Le sostanze chimiche all’interno dei pesticidi, si sa, sono molto dannose per la salute degli esseri umani, oltre ad avere la capacità di ammazzare grandi quantità di insetti. Il rischio maggiore quindi è quello di una intossicazione da sostanze chimiche causata dall’abuso di questi pesticidi.

Gli abusi possono causare vari malori ma soprattutto un inquinamento ambientale.

Perchè siamo invasi dalle cimici?

L’invasione delle cimici è causata da diversi fattori. Uno sicuramente è quello più “naturale”, ovvero gli insetti cercano un rifugio già dalle prime notti fredde dell’autunno. Le cimici infatti cercano di entrare nelle abitazioni per trovare un posto caldo e accogliente per passare l’inverno. Per cui l’istinto di sopravvivenza di questi animali risulta essere più forte di qualsiasi porta, finestra e pesticida. Sono infatti così piccoli che riescono ad intridursi facilmente dalle fessure delle porte e delle finestre. La loro intenzione non è sbagliata, anzi, è soltanto sbagliato il luogo dove desiderano passare il loro “letargo”. Ovviamente gli insetti non hanno nessuna colpa. Ma allora di chi è? Ovviamente dell’uomo, ma per capirlo meglio è necessario fare un piccolo passo indietro.

Globalizzazione e clima

La globalizzazione e il surriscaldamento della terra e del clima hanno cambiato molti di quelli che sono i cicli naturali della Terra e dei suoi abitanti.

La cimice bruna è soltanto un piccolo esempio di quelli che sono gli animali “importati” in Italia da altre zone del Pianeta. I danni che provoca questa specie, insieme a tante altre, riguardano prevalentemente l’agricoltura. Dunque questa terribile invasione è in realtà causata dagli atteggiamenti negativi che l’uomo ha nei confronti del proprio Pianeta. Dopo decenni di inquinamento, e di varie attività ai danni della natura, ora si stanno cominciando a verificare le conseguenze.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche