×

Il fumetto Riverdale diventa una serie tv e sta per approdare su Netflix

default featured image 3 1200x900 768x576

Le avventure a fumetti di Archie Andrews arrivano in tv nella serie “Riverdale”. Netflix la manderà in onda a partire dal 26 gennaio 2017.

Sarà Netflix a distribuire, a livello internazionale, la nuova serie tv “Riverdale”. Si tratta di un progetto che si ispira ai fumetti di Archie Andrews e approderà sul piccolo schermo il 26 gennaio.

Gli episodi saranno disponibili online a di 24 ore di distanza. Non è la prima volta che un fumetto fa la propria comparsa anche in televisione.

La serie tv “Riverdale” trae il proprio nome da Riverdale. Riverdale altro non è che la città immaginaria dove è ambientata anche la storia del fumetto. La serie tv esordirà con un pilot che vedrà il protagonista Archie iniziare il secondo anno di liceo dopo un’estate trascorsa a lavorare nell’azienda del padre.

Archie è maturato, ha alcuni problemi, tra cui quelli sentimentali, e diversi segreti. Inoltre scopre di avere una forte passione per la musica e per la scrittura. Una passione che purtroppo creerà non pochi attriti col padre e con il suo allenatore di football.

Il cast è composto da giovani ragazzi. Spicca K.J. Apa, che vestirà i panni proprio Archie. Camila Mendes e Lili Reinhart reciteranno, invece, nel ruolo rispettivamente di Veronica e Betty.

La novità è il padre di Archie Fred Andrews che sarà interpretato da Luke Perry (in Beverly Hills 90210 interpretava il bel tenebroso Dylan).

Il fumetto era basato sul triangolo amoroso fra Archie, Betty e Veronica ed era reso comico dall’atteggiamento dello stesso ragazzo, un po’ imbranato e sbruffone, benchè dal cuore grande e dai tanti amici. Nella serie, invece, il filo conduttore della storia sarà il contrasto tra Archie e il padre, senza comunque trascurare le contese amorose del ragazzo.

Il risultato è una serie tv più impegnativa rispetto al fumetto, sebbene non mancheranno di certo momenti di grande umorismo.

Gli autori e i produttori di questa serie sono: Roberto Aguirre-Sacasa, Greg Berlanti, Jon Goldwater e Sarah Schechter.

Contents.media
Ultima ora