×

Funivia Mottarone, nuovo bollettino del piccolo Eitan: respira autonomamente

Nel nuovo bollettino viene comunicato che il piccolo Eitan ora respira autonomamente, anche se risulta ancora non pienamente cosciente.

funivia mottarone eitan

Continua il lento risveglio del piccolo Eitan, l’unico supersite della tragedia della funivia del Mottarone, che nella mattinata del 26 maggio era riuscito ad aprire gli occhi per la prima volta da quando è stato ricoverato in ospedale. Con l’ultimo bollettino diffuso in serata viene comunicato che il bambino ha iniziato a respirare in maniera autonoma, anche se: “Non è ancora completamente cosciente”.

Proprio per questo i medici stanno proseguendo: “Con un risveglio lento, visto che le sue condizioni sono ancora critiche. La zia è in reparto accanto a lui”.

Funivia Mottarone, il nuovo bollettino delle condizioni di Eitan

Nel corso della giornata il direttore generale della Città della Salute di Torino, Giovanni La Valle, aveva fornito ulteriori dettagli in merito allo stato di salute del bambino: “Eitan ha aperto gli occhi e ha trovato il viso conosciuto della zia.

Sono vicini in questo momento. […] Il bimbo, ricoverato all’ospedale Regina Margherita, alle 10,45 è stato estubato e ha ripreso per un momento conoscenza. Respira da solo, aiutato da poco ossigeno. Essendo ancora sedato dai farmaci non è ancora completamente cosciente. Si prosegue con un risveglio lento, visto che le sue condizioni sono ancora critiche”.

Funivia Mottarone, Eitan estubato in giornata

Poche ore prima il graduale risveglio del piccolo, caratterizzato anche dall’apertura degli occhi e da brevi episodi respiratori autonomi, aveva consentito ai medici di estubarlo.

A tal proposito il professor La Valle aveva dichiarato: “È una fase particolarmente delicata. E’ ancora intontito, ma il respiro è autonomo. Ha riconosciuto la zia, che è accanto lui. Ora arriva la parte più difficile perché c’è la presa di coscienza. C’è un supporto psicologico che lo assisterà e che, insieme alla zia e alla nonna, dovrà dirgli la verità. Ha già riaperto gli occhi ed è importante che accanto a sé abbia trovato volti conosciuti”.

Funivia Mottarone, le parole di Giulio Disegni sulle indagini

Uscendo dall’ospedale Regina Margherita è intervenuto anche il vicepresidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Giulio Disegni, che a proposito delle indagini ha dichiarato: “Il risultato dell’inchiesta sorprende, è sconvolgente. Ci vuole una pena esemplare, anche se non spetta a me decidere ma ai magistrati”. Nella notte sono infatti state arrestate tre persone con l’accusa di aver manomesso il sistema di sicurezza della funivia per evitare il blocco di quest’ultima. In manette sono finiti l’amministratore delegato della società che gestisce l’impianto e altri due dipendenti, che hanno ammesso di non aver attivato il freno volontariamente.

Contents.media
Ultima ora