×

Funivia Stresa-Mottarone, Eitan festeggia il sesto compleanno al ristorante con la famiglia: come sta

Il piccolo è tornato a casa degli zii dopo il lungo ricovero. Sta meglio e in occasione del suo sesto compleanno ha festeggiato al ristorante.

Funivia Stresa-Mottarone Eitan

Dopo la strage della funivia Stresa-Mottarone, tutta Italia si è stretta attorno al dolore di Eitan, l’unico superstite di quel disastro che è costato la vita a 14 persone, tra cui un bambino di 9 anni e il suo fratellino Tom, che di anni ne aveva solo 2.

In quella tragedia, Eitan ha perso anche i suoi genitori e i bisnonni, morti sul colpo. Sono gli zii ora a essersi fatti carico del bambino. Dopo il dramma della funivia Stresa-Mottarone, tutta Italia ha sostenuto il piccolo Eitan, che finalmente sta meglio e può festeggiare il suo sesto compleanno al ristorante, insieme agli zii.

Funivia Stresa-Mottarone, il compleanno di Eitan

Dopo il disastro della funivia e il lungo ricovero all’ospedale Regina Margherita di Torino, Eitan sta meglio e nei giorni scorsi è uscito con i suoi familiari per festeggiare il suoi 6 anni in un ristorante non lontano dalla città.

Ora il piccolo vive nel Pavese, a casa degli zii.

Simone Perversi, che è animatore per i bambini malati e non solo, è stato contattato per regalare un po’ di gioia e allegria in occasione dei festeggiamenti. Parlando del piccolo Eitan alla Provincia Pavese, ha raccontato: L’importante è che il bambino si stia riprendendo. La serata è stata tranquilla: c’erano i parenti di Eitan”.

Funivia Stresa-Mottarone, come sta Eitan

Milo Hasbani, presidente della Comunità ebraica di Milano, subito dopo la tragedia ha mantenuto i contatti con la famiglia di Eitan, sia in Italia sia in Israele.

Così, al quotidiano pavese ha potuto confermare il continuo miglioramento del bambino, che si è sempre dimostrato un grande guerriero.

Anche Cristina Pagni, l’avvocato civilista che segue la zia Aya Biran, ha parlato dei festeggiamenti organizzati per il compleanno di Eitan. Sta guarendo dalle ferite riportate nella tragedia e ha passato alcune ore fuori di casa. Dal punto di vista legale, per quanto riguarda l’affidamento non ci sono novità“, ha dichiarato.

Funivia Stresa-Mottarone, le parole dei familiari di Eitan

Resta incolmabile il dolore provocato dalla strage della funivia Stresa-Mottarone. Il nonno di Eitan, papà della sua mamma, ha commentato: “La nostra luce e la nostra speranza è lui”.

Gli zii dicono di avere “fiducia nella giustizia italiana”, ma la zia non risparmia parole dure contro gli indagati. Non riesco a vedere le immagini di questa tragedia, mi viene il vomito. Ogni notte non dormo pensando a quegli attimi di terrore che hanno vissuto. Chi gestiva la funivia non poteva non sapere a cosa andavano incontro togliendo i freni d’emergenza, era solo questione di tempo.

Contents.media
Ultima ora