Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Furto d’identità su WhatsApp: a rischio immagine del profilo
Scienza & Tecnologia

Furto d’identità su WhatsApp: a rischio immagine del profilo

WhatsApp

Su WhatsApp dei criminali ruberebbero l'immagine del profilo degli utenti per poi ricattarli. La foto potrebbe essere usata per commettere dei reati.

Sembra che su WhatsApp corra la minaccia del furto d’identità. Ad alcuni utenti infatti sarebbe stata rubata la propria immagine del profilo. Per la restituzione della foto i ladri chiedono, ovviamente, dei soldi. Se l’utente non paga, i criminali commetterebbero dei reati utilizzando la foto sottratta dal profilo della famosa applicazione di messagistica istantanea.

Truffa su WhatsApp

Gli utenti WhatsApp potrebbero essere a rischio di un furto d’identità. Già dagli inizi di giugno 2018, infatti, diversi siti specializzati hanno lanciato l’allarme in merito ad una nuova presunta forma di truffa ai danni delle persone che utilizzano l’applicazione di messagistica istantanea più famosa (e scaricata) al mondo. Stando a queste informazioni, infatti, diversi utenti si sarebbero accorti infatti del furto della propria immagine del profilo.

Più che accorti, però, sarebbero stati avvisati dagli stessi ladri che, nel frattempo, si erano aperti degli account WhatsApp spacciandosi per le loro vittime.

I titolari delle foto infatti sarebbero stati ricattati, poiché i ladri avrebbero chiesto soldi in cambio della restituzione dell’immagine. In caso di mancato pagamento, l’utente derubato della propria immagine veniva infatti avvisato che sarebbero stati commessi dei reati utilizzando la foto sottratta dal profilo WhatsApp.

Consigliabile quindi in questo periodo impostare una immagine del profilo che vi rappresenti ma che non ritragga né voi né i vostri cari. Ovviamente, se un utente venisse contattato per una richiesta di denaro è consigliabile rivolgersi immediatamente alla Polizia postale, in grado di rintracciare il criminale e mettere così fine alla truffa.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Dal 2018 lavoro a tempo pieno per Notizie.it. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.
Contatti: Mail