×

G20, Draghi: “Fare tutto il possibile per la libertà e i diritti donne afghane”

Draghi ha invitato i paesi del G20 a fare tutto il possibile per difendere e garantire la libertà e i diritti delle donne afghane.

Draghi al G20 sulle donne afghane

Il Premier Mario Draghi ha inviato un messaggio in occasione dell’apertura del G20 Conference on Women’s Empowerment invitando tutti i paesi a fare il possibile per garantire la libertà e i diritti delle donne afghane, sul punto di perdere la loro dignità e di tornare alla triste condizione in cui si trovavano vent’anni fa.

Draghi al G20 sulle donne afghane

A causa della presa del potere da parte dei talebani, ha affermato il Capo del governo, le donne rischiano infatti di diventare ancora una volta cittadine di seconda classe, vittime di violenza e di discriminazioni sistematiche, soltanto per il loro genere. Compito del G20 è qunque quello di fare in modo che le conquiste raggiunte negli ultimi vent’anni vengano preservate.

Noi abbiamo degli obblighi non soltanto nei confronti dei nostri cittadini ma anche in quelli della comunità globale: dobbiamo difendere i diritti delle donne ovunque nel mondo, soprattutto dove esse sono minacciate“, ha aggiunto.

Draghi al G20 sulle donne afghane: “Misure concrete”

Orgoglioso che la prima conferenza sulla parità di genere nella storia del G20 si svolga sotto la Presidenza italiana, ha poi ribadito che il nostro paese è pienamente impegnato nella lotta contro le disuguaglianze di genere e ritiene che il G20 possa svolgere un ruolo fondamentale nel sostenere le donne in tutto il mondo.

Durante la Presidenza italiana, ha aggiunto, sono state adottate misure concrete per migliorare la posizione delle donne nel mondo del lavoro, promuovere la loro emancipazione e rimuovere gli ostacoli che frenano le loro carriere.

La tabella di marcia adottata a giugno, ha concluso, prevede di superare l’obiettivo fissato a Brisbane di ridurre del 25% entro il 2025 i divari di genere nel tasso di partecipazione alla forza lavoro nei paesi del G20.

Contents.media
Ultima ora