Gentless3: musica senza confini - Notizie.it
Gentless3: musica senza confini
Catania

Gentless3: musica senza confini

Sentendo i Gentless3, l’animo di chi ama la musica e vive ai confini del mondo, si rianima di positività, perchè anche qui è possibile fare musica di un certo spessore. L’anima dei Gentless3 è Carlo Natoli, leader della band, che dopo anni di progetti e collaborazioni (Skrunch / bodyHammer / AlbanoPower / Jerica’s / Tapso II) e un paio di tournè come fonico e open show di gruppi taliani, in giro per l’Italia, decide di concretizzare alcuni suoi lavori, optando per l’uso di una chitarra baritono, per avvicinarsi anche alle sonorità folk americane. Questo strumento è anche uno degli aspetti più particolari e sperimentali del progetto. Chiama un pò di amici per registrare il primo promo dal titolo “I’ve buried your shoes down by the garden”, promo che esce in vinile per la “Wild Love Record” a gennaio (fra pochi giorni per la precisione), e da questa esperienza esce fuori il nome del chitarrista Sergio Occhipinti.

Dopo alcuni tour in due, e dopo vari batteristi, si unisce a loro Sebastiano Cataudo, e così la formazione diventa stabile. Attualmente la band sta lavorando al tour promozionale del disco che uscirà a marzo/aprile e al materiale per il nuovo disco (che probabilmente vedrà una collaborazione importante in regia per la produzione artistica), che verrà registrato in estate. Le radici dei Gentless3 sono da ricercare nel folk americano e in artisti come John Fahey, Neil Young, Marissa Nadler, Cesare Basile, Soap & Skin, Unwound, BeMyDelay, i Tellaro, Egle Sommacal, Eimog, per fare solo alcuni nomi, che i Gentless amano ascoltare tra un impegno e l’altro. Per il resto è difficile catalogare la musica della band, non ci sono etichette, non ci sono barriere, è una musica senza tempo, senza spazio. Se vi trovate nelle vicinanze di qualche loro concerto, andate a vederli, a sentirli, non ve ne pentirete.

per ascoltarli su myspace : http://myspace.com/downbythegarden
su facebook Gentless3

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*