×

Gerard Depardieu, l’appello a Putin: “Ferma le armi e negozia”

Gerard Depardieu ha fatto un appello a Putin, suo amico di vecchia data, affinché ritiri le sue truppe dall'Ucraina.

Gerard Depardieu

Gerard Depardieu ha fatto dietrofront nei confronti del suo amico di vecchia data, Vladimir Putin, e attraverso un appello gli ha chiesto di ritirare le sue truppe dall’Ucraina.

Gerard Depardieu: l’appello a Putin

L’attore francese e naturalizzato russo Gerard Depardieu, in passato ha più volte lodato pubblicamente Vladimir Putin, elogiandone persino le capacità di leader democratico.

Dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, Depardieu ha lanciato un appello rivolgendosi proprio al presidente russo, suo amico di vecchia data: 

“Russia e Ucraina sono sempre stati paesi fratelli. Sono contrario a questa guerra fratricida e dico ‘ferma le armi e negozia!”, ha dichiarato l’attore, al cui coro si sono unite numerose celebrità del mondo dello spettacolo.

Nelle ultime ore la situazione a Kiev è diventata sempre più drammatica e ai continui attacchi da terra e da cielo si sono aggiunti i bombardamenti a zone destinate ai civili e alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Le star contro Putin

In tanti tra vip e star di fama nazionale e internazionale hanno espresso la loro solidarietà verso l’Ucraina e si sono detti sgomenti per la situazione che ha colpito il paese. Nei giorni scorsi anche i vip italiani Simona Ventura, Cesare Cremonini e Alessandro Gassmann avevano commentato la vicenda, mentre Michelle Hunziker si era affidata a uno sfogo via social in cui aveva scritto: 

“Sono dall’altra parte del mondo per cercare di staccare da tuto e riposare un po’ la mia testa dopo un periodo per me abbastanza intenso sotto molti punti di vista.

Qui è notte fonda e mi sono svegliata con gli incubi. Sentivo piangere bambini, donne, uomini nel sonno…. provo disagio ad essere in vicandaza, disagio a vivere la ia quotidianità. So perfettamente che non posso cambiare le cose e sento un senso d’impotenza”, ha scritto la conduttrice nelle sue stories.

Contents.media
Ultima ora