×

Germania: il più grande importatore di gas ha perso miliardi nella prima metà del 2022

default featured image 3 1200x900 768x576

Dusseldorf, 17 ago. (Adnkronos/Dpa) – Il più grande importatore di gas della Germania, Uniper, ha registrato una perdita di oltre 12 miliardi di euro (12,2 miliardi di dollari) nella prima metà dell'anno, di cui più della metà legata alla crisi del gas con la Russia.

Circa 6,5 miliardi di euro sono stati collegati alle interruzioni delle forniture di gas dalla Russia a causa della guerra in Ucraina, ha dichiarato mercoledì l'azienda.

I dati hanno anche rivelato 2,7 miliardi di euro di svalutazioni, tra cui la cancellazione del gasdotto Nord Stream 2 nel Mar Baltico, un progetto infrastrutturale massiccio che è stato accantonato pochi giorni dopo l'inizio dell'invasione russa. "Per il 2023 prevediamo un miglioramento degli utili e puntiamo a uscire dalla zona di perdita a partire dal 2024", ha dichiarato il direttore finanziario Tiina Tuomela.

L'azienda si aspetta una perdita per l'intero anno 2022, ma non è in grado di fornire una stima dell'entità della perdita a causa della volatilità del contesto.

Uniper sta lottando per rimanere a galla perché deve acquistare gas più costoso sul mercato per soddisfare i contratti a causa della riduzione delle forniture dalla Russia. Questo ha portato a problemi di liquidità perché Uniper non è stata in grado di trasferire gli aumenti di prezzo ai clienti.

Uniper rifornisce più di 100 aziende municipalizzate e industriali nella più grande economia europea. Per sostenere il gruppo è stato messo a punto un pacchetto di salvataggio del valore di miliardi. Il pacchetto prevede, tra l'altro, che il governo federale assuma una partecipazione del 30% nella società.

Contents.media
Ultima ora