Germania sconfitta, esultano gli italiani sui social
Germania sconfitta, esultano gli italiani sui social
Sport

Germania sconfitta, esultano gli italiani sui social

Germania sconfitta, esultano gli italiani sui social
Germania sconfitta, esultano gli italiani sui social

Dopo Italia e Spagna, anche i tedeschi campioni in carica sono costretti a lasciare il mondiale al primo turno.

I tifosi non esultano solo per la vittoria della propria squadra, ma anche per la sconfitta degli avversari. Soprattutto se l’avversario in questione è il campione in carica e il favorito in un torneo per cui la nazionale italiana non si è neppure qualificata. Il risultato del match tra Germania e Corea ha fatto impazzire i social. Numerosi gli italiani che hanno espresso la propria soddisfazione nel guardare i giocatori tedeschi con le facce attonite e le mani tra i capelli mentre lasciano definitivamente il campo dei mondiali 2018.

Germania sconfitta

Erano i favoriti, ma non sono riusciti a superare il primo girone ad eliminazione. Si può ben immaginare la delusione per migliaia di tifosi tedeschi che hanno dovuto guardare la Germania perdere contro la Corea e lasciare il mondiale a bocca asciutta. Ma altrettanti, se non di più, sono coloro che hanno usato i social per esultare.

“Cosa è questa strana sensazione di benessere, di soddisfazione, di pace con il mondo? Ah sì, la Germania è uscita dal mondiale”.

Esultanza social

Bisogna riconoscere che, in molti casi, i tweet esultanti danno prova di grande originalità e fantasia.

In tanti hanno fatto appello alla storia, ricordando le disavventure tedesche in Russia in ambito militare: “Diciamo che la Germania in Russia, storicamente, non è che sia andata proprio alla grande”, ha commentato un tifoso italiano. Altri gli fanno eco: “E niente, in Russia i tedeschi non riescono mai a vincere“, oppure “Non capisco perché, a distanza di settant’anni, la Germania pensasse di poter passare in Russia”.

Andiamo a Berlino

“ANDIAMO A BERLINO” e “Chiudete le valigie amici, si torna a Berlino”. Così molti esultano per l’eliminazione dei tedeschi. Ma è anche un modo per ricordare quel fortunato campionato del 2006, tenutosi proprio a Berlino, che vide la nazionale azzurra vincere il suo quarto titolo mondiale.

Psicodramma tedesco

A ognuno la sua Corea

Impossibile non ricordare quella che è stata definita la maledizione della Corea. La prima nazionale colpita è stata proprio quella italiana, nel 1966. Allora, fu la Corea del Nord la responsabile dell’uscita dell’Italia dal mondiale. Nel 2002 la Corea del Sud si è fatta notare e si è guadagnata la nomea di squadra in grado di eliminare tutti i grandi favoriti: Portogallo, Italia e Spagna. Oggi è toccato alla Germania. Sui social sembra che i tifosi non aspettassero altro per rinfacciare ai tedeschi quel mondiale 2002, in cui solo loro uscirono immuni dallo scontro con i coreani.

“At least Italy could blame Byron Moreno when South Korea knocked us out of a World Cup”.

“La Germania ha la sua Corea”.

“#CoreadelsudGermania a ognuno la sua Corea…”

Uno dei numerosi tweet

La maledizione del vincitore

In fondo, la nazionale tedesca non ha fatto altro che rispettare una triste tradizione: quella del vincitore in carica che non supera il primo girone al mondiale successivo. Tradizione inaugurata dall’Italia nel 2010 e confermata dalla Spagna, vincitrice in Sud Africa ma sconfitta in Brasile. Ora tocca alla Germania, eliminata al primo turno in Russia dopo aver trionfato in Brasile nel 2014.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Diadora Cyclette Lilly Rigenerata
79.95 €
173 € -54 %
Compra ora
Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 851 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.