Gina Lollobrigida, rivelazioni shock: violentata a 18 anni
Gina Lollobrigida, rivelazioni shock: violentata a 18 anni
Lifestyle

Gina Lollobrigida, rivelazioni shock: violentata a 18 anni

Gina Lollobrigida
Gina Lollobrigida

La diva del cinema italiano e hollywoodiano, Gina Lollobrigida, denuncia una violenza sessuale subita a 18 anni: "ero vergine"

Ennesimo abuso sessuale ai danni di una famosa attrice. Il mondo di Hollywood l’acclama regalandole la prestigiosa stella sulla Walk of Fame. Il cinema italiano vanta un’incantevole celebrità che il mondo intero ci invidia. Gina Lollobrigida torna a far parlare di sé. Questa volta la notizia è tra le più sconcertanti. A soli 18 anni, la Lollobrigida è stata vittima di violenza sessuale. Ad abusare di lei sarebbe stato un giocatore della Lazio, così ha dichiarato l’attrice. Poi la confessione più inattesa: “Ero vergine”.

Gina Lollobrigida è stata violentata

Dopo settant’anni, Gina Lollobrigida rilascia una dichiarazione sconcertante e inaspettata. Per ben due volte nella sua vita, l’attrice racconta di aver subito abusi sessuali. La prima fu all’età di 18 anni. Poi aggiunge: “Fu un giocatore della Lazio ad avermi violentata. Io ero ancora vergine“.

A 90 anni, l’attrice ha ancora molto da rivelarci. Così si è confidata in una recente intervista, dove racconta: “Avevo conosciuto quell’affascinante calciatore quando ero ancora adolescente”. Poi aggiunge: “Lui mi corteggiava, ma venni a sapere che era già fidanzato.

Per dignità, ho deciso di non vederlo più, nonostante provassi qualcosa per lui”. Quindi la svolta: “Quando avevo 18 anni lo incontrai di nuovo, per caso, alla fermata dell’autobus. Io ero appena uscita da scuola e lui mi invitò a una festa”.

Una volta arrivata a casa del calciatore, la Lollobrigida rimase sorpresa nel non vedere nessun altro invitato. Ma l’amico la rassicurò: “Arriveranno a breve”. A quel punto, prosegue commossa l’attrice: “Iniziò a farmi bere e da quel momento non ricordo più nulla”. La spiacevole scoperta arrivò la mattina seguente e la segnò per tutta la vita. “Mi sono svegliata completamente nuda sul suo letto”, ha confessato. Poi prosegue: “Rimasi frastornata per diversi giorni. Solo in seguito realizzai di essere stata violentata e all’epoca ero ancora vergine”.

Ha sempre lottato per dimenticare quell’episodio. Riviverlo è straziante e doloroso. Nell’intervista, la Lollobrigida dichiara: “Ho sempre voluto andare avanti per dimenticare, ma mi sono sempre portata questa vergogna come un bagaglio pesantissimo, difficile da ignorare”. Poi la confidenza più delicata: “Mi sentivo distrutta e mi sposai in fretta con quello che fu mio marito. Lo feci per superare il trauma, non per amore”.

Gina Lollobrigida

Lollobrigida: “Non ho avuto il coraggio di denunciare”

All’indomani del caso Weinstein a prendere la parola è la famosa attrice italiana Gina Lollobrigida. In risposta alle ondate d’accusa contro il celebre produttore cinematografico americano, dichiara: “Credo avrebbero dovuto parlare per tempo, ma non hanno avuto il coraggio. Neanch’io l’ho avuto”.

Continuando con la sua personale confidenza, la Lollobrigida afferma: “Una molestia non la puoi eliminare, ti rimane dentro e condiziona il tuo carattere. Le tue azioni sono sempre soggette a questo ricordo”. Quindi, l’attrice arriva a sottolineare la brutalità del gesto dichiarando: “La prima volta ero innocente, non conoscevo l’amore, non conoscevo niente. Quindi era grave e la persona era molto conosciuta”.

In riferimento alla seconda violenza subita, racconta: “Ero già sposata e cominciavo a fare cinema”. Poi conclude: “Non li ho denunciati per non rivelare una cosa mia”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche