> > Giorgia Meloni alle prese con il problema della lotteria Italia: buco nelle e...

Giorgia Meloni alle prese con il problema della lotteria Italia: buco nelle entrate da giochi e scommesse

meloni lotteria Italia

Flop della lotteria Italia: il Governo Meloni deve fare i conti con un buco nelle entrate proveniente da giochi e scommesse.

Il Governo guidato da Giorgia Meloni deve affrontare il buco nelle entrate delle casse pubbliche scaturito dal flop della lotteria Italia.

Giorgia Meloni alle prese con il problema della lotteria Italia

Alla vigilia dell’estrazione dei biglietti vincenti, la prima lotteria Italia non è stata un successo per il Governo Meloni. Allo stato attuale, infatti, si stima che le vendite abbiano registrato un calo di circa 400 mila biglietti rispetto allo scorso anno che, dopo il crollo causato dalla pandemia Covid nel 2020, era stato l’anno peggiore della storia dell’evento.

Tradotto in euro, il calo delle vendite corrisponde a una contrazione di 2 milioni di euro per le entrate del nuovo esecutivo ossia una cifra considerevole ma comunque non determinante.

Più che altro, il vero problema è legato alle aspettative del Governo, convinto che con il cambio di vertice gli italiani avrebbero ricominciato a comprare biglietti riproponendo lo schema emerso negli anni migliori.

In legge di bilancio, era stata inserita una cifra particolarmente alta di incasso corrispondente a 50 milioni di euro lordidai quali vanno detratti premi e spese di produzione e distribuzione. La stessa cifra è stata confermata dal Governo Meloni per il 2023 con la super contestata manovra finanziaria approvata alla fine del 2022.

Buco nelle entrate da giochi e scommesse

I biglietti venduti per la lotteria Italia hanno un costo unitario di 5 euro: ne sono stati venduti circa 6 milioni per un incasso lordo pari a quasi 30 milioni di euro. Si va così delineando un buco contabile che si aggira intorno ai 20 milioni di euro e che dovrà essere sanato con un maggiore incasso legato ad altre voci di entrata come gratta e vinci, bingo, lotto tradizionale, proventi da scommesse pubbliche.

Al momento, i conti definitivi del 2022 non sono ancora disponibili ma c’è il rischio che i fondi a disposizione siano scarsi. Alla fine del 2021, il Governo Draghi aveva stimato incassi complessivi provenienti da giochi e scommesse di Stato per 23 miliardi e 37 milioni di euro. Guardando al nuovo esecutivo guidato da Giorgia Meloni, gli incassi provvisori previsti per il 2022 dovrebbero essere pari a 21 miliardi e 37 milioni di euro.

Qualora la cifra dovesse essere confermata, l’assenza di 2 miliardi si farebbe sentire per le casse pubbliche, creando potenzialmente quale problema al Governo di centrodestra.