Giorni da turista con la "XIV Settimana della Cultura" - Notizie.it
Giorni da turista con la “XIV Settimana della Cultura”
Bari e Puglia

Giorni da turista con la “XIV Settimana della Cultura”

Anche quest’anno torna la Settimana della Cultura per la quattordicesima edizione. Il Ministero per i Beni Culturali ripropone per nove giorni dal 14 al 22 aprile l’apertura gratuita o con ingresso ridotto dei siti culturali statali per incentivare e sensibilizzare tutta la popolazione italiana alla consapevolezza del proprio patrimonio artistico. Per più di una settimana musei, aree archeologiche, ville, monumenti, archivi di Stato e biblioteche resteranno aperti e a completa disposizione della cittadinanza, che non può lasciarsi sfuggire l’ennesima occasione per conoscere, imparare e scoprire le bellezze storico-artistiche dell’Italia, che spesso sembrano relegate a beni di secondaria importanza per il progresso.

Gratuitamente o con pochi euro (non dimentichiamo che la cura dei monumenti non avviene sempre per volontariato e qualcosa di simile; per custodirli e farli splendere, come in tutto, occorrono fondi) e per tanti giorni a disposizione sarà possibile valorizzare la storia del Paese partecipando a questa settimana che prevede numerose mostre, convegni, laboratori didattici, visite guidate e concerti.

Il tema conduttore della Settimana della Cultura, infatti, è “La cultura è di tutti, partecipa anche tu”: l’arte, la storia, il sapere non sono riservate soltanto ad alcune persone, ma rappresentano l’identità di un territorio, di una nazione in cui tutti si riconoscono e per questo occorre coinvolgere e avvicinare sempre più persone all’universale mondo culturale. Anche la Puglia apre numerosi siti che meritano di essere visitati. Probabilmente molti pugliesi scoprirebbero ricchezze di cui mai si è saputo dare la giusta visibilità. Perciò l’iniziativa della “Settimana della Cultura” deve richiamare i cittadini e, attraverso di essi, molti dei patrimoni, chiusi, in fase di restauro o bloccati per le ossessive procedure burocratiche potranno avere una spinta per tornare a rivivere.

Ai cittadini, che in fondo sono i custodi delle bellezze architettoniche delle città, (anche se continuano a vedersi scritte su chiese o palazzi e sporcizie di ogni genere per le strade e le piazze) è affidato il compito di accelerare e far crescere il settore culturale.

Intanto godere di questa ricca ed intensa settimana è doveroso.

In Puglia, tra le iniziative e i luoghi aperti al pubblico (circa 58!) consultabili al linkhttp://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1333635279199_Puglia_SettCult_WEB.pdf, i servizi educativi delle Soprintendenze territoriali hanno delineato due progetti di educazione al patrimonio “La Nostra Settimana della cultura” che intende far coesistere gli strumenti digitali e il patrimonio culturale con la realizzazione di itinerari on-line diffusi con il social networking e “Benvenuti al museo” con cui verranno allestiti spazi informativi degli istituti scolastici presso il Castello di Bari e il Museo Nazionale Archeologico di Taranto, in cui i giovani potranno comunicare, accogliere e orientare i turisti. Particolare attenzione è rivolta, quindi, a rendere protagonisti i giovani e le nuove generazioni, grazie al coinvolgimento, durante la Settimana, delle scuole locali.

Luigi Laguaragnella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*