×

Gli effetti delle macchie di petrolio

default featured image 3 1200x900 768x576
petrolio

Il petrolio è l’oro nero che fa girare il mondo.

Senza di esso, non saremmo in grado di alimentare le industrie, le case e le automobili; è il lubrificante che fa sì che il pianeta continui a girare. Tuttavia, esso ha un prezzo, e non sempre è un prezzo in dollari. Quando le petroliere si incagliano o quando esplode una piattaforma di perforazione, l’impatto ambientale può essere devastante.

Uccelli

Tra le prime vittime – e spesso le più evidenti – sono gli uccelli acquatici.

Quando il petrolio tocca il loro habitat, essi ne subiscono immediatamente gli effetti: il petrolio aderisce alle piume in una sorta di manto appiccicoso e attaccaticcio che rende impossibile il volo, condannandoli così a una morte lenta, poiché non sono in grado di nutrirsi. Possono morire anche per ipotermia, poiché le proprietà isolanti e impermeabilizzanti del loro piumaggio vengono distrutte, e, dato che non possono volare, diventano un facile bersaglio per i predatori.

Pesci

Pur vivendo al di sotto sotto di una probabile macchia di petrolio, anche il pesce soffre molto. Immagini televisive mostrano scene crude di pesci morti che si sono arenati sulle spiagge dopo le fuoriuscite di petrolio. Il petrolio ostruisce le branchie dei pesci, rendendoli incapaci di respirare, e possono morire avvelenati mangiando prede ricoperte di petrolio o ingerendolo direttamente. Inoltre, il loro ciclo riproduttivo e le loro abitudini possono essere sconvolti dato che le uova e le larve sono sensibili alle tossine presenti nel petrolio.

Mammiferi

I mammiferi con pelliccia spesso muoiono di ipotermia poiché le pellicce si compromettono col petrolio, che ne distrugge la proprietà dell’isolamento. Animali come le lontre marine muoiono spesso avvelenati quando ingeriscono o inalano il petrolio durante i tentativi di pulizia. Altri mammiferi acquatici come le foche o i leoni marini ingeriscono o inalano il petrolio mentre nuotano o mangiano, causando danni a polmoni, fegato e reni, causando la loro morte. Anche le tossine presenti nel petrolio danneggiano il loro sistema immunitario, portando malattie della pelle e influendo negativamente sulla loro capacità di riprodursi.

Habitat costieri

Le macchie di petrolio spesso arrivano a riva e possono rimanerene nell’ambiente per molto tempo, a volte fino a 30 anni. Come risultato, anche gli altri animali, non acquatici, uccelli e altri soffrono, sia immediatamente, poiché i saprofagi come le aquile e le volpi si nutrono di corpi contaminati e muoiono avvelenati, sia a lungo termine poiché i cicli riproduttivi delle loro prede vengono interrotti. Anche le piante vengono colpite, dato che la germinazione e la crescita vengono danneggiate.

Contents.media
Ultima ora