×

‘Gli ultimi giorni di Maradona’, il podcast di Spotify

Roma, 25 nov. (askanews) – “E’ considerato da molti il più grande giocatore di tutti i tempi”. Diego Armando Maradona ha riscritto la storia del calcio, trascinando l’Argentina a un titolo mondiale e guidando il Napoli alla vittoria dei primi due scudetti della sua storia. Il 25 novembre ricorre il primo anniversario della scomparsa del Pibe de Oro e per l’occasione Spotify – il servizio di abbonamento di streaming più popolare al mondo con oltre 381 milioni di utenti – ha ripercorso gli ultimi giorni della sua vita, concitati e avvolti nel mistero, in un nuovo podcast originale dal titolo “Gli ultimi giorni di Maradona”.

Il podcast parte dal racconto della sequenza degli eventi nel giorno della morte di Diego a come si è arrivati a un’inchiesta per omicidio colposo e ripercorre anche gli ultimi difficili anni del fuoriclasse argentino, dal ritorno nel suo Paese nel 2018, come allenatore del Gimnasia La Plata, fino al ricovero domiciliare negli ultimi giorni di vita.

Si tratta del primo show originale di Spotify che viene lanciato contemporaneamente in sei mercati diversi: ogni adattamento locale, quello in Italia è a curato da Show Reel Agency, ha un suo narratore che accompagna l’ascoltatore negli ultimi giorni del Pibe de Oro.

A interpretare il podcast per il mercato italiano è Salvatore Esposito, attore e grande tifoso del Napoli, che dopo il cambio di denominazione, dal 2020, gioca le gare casalinghe proprio allo stadio Diego Armando Maradona. Protagonista della serie tv Gomorra nel ruolo di Genny Savastano, nel 2017 è riuscito a coronare il suo sogno di incontrare il campione argentino.

Anche per gli altri mercati la scelta è ricaduta su voci celebri e riconoscibili, come ad esempio Jorge Valdano – ex compagno di nazionale di Diego, che con lui vinse i Mondiali nel 1986 – per la Spagna e l’America Latina e Thierry Henry, ex campione della Francia e dell’Arsenal, oggi allenatore, per la Francia e il Regno Unito.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora