Grecia, inondazioni e bufere: il maltempo causa primi danni
Grecia, inondazioni e bufere: il maltempo causa primi danni
Esteri

Grecia, inondazioni e bufere: il maltempo causa primi danni

Grecia
Grecia

Il maltempo continua a bagnare il territorio della Penisola Balcanica. I danni sono numerosi e così i rischi a cui si va incontro

Sul Mediterraneo l’atmosfera rimane instabile e molto poco propensa alla stabilità. La situazione metereologica in Grecia lo conferma. Le alluvioni degli ultimi giorni, insieme alle numerose bufere e alle forti tempeste stanno provocando danni ingenti e ci sono le prime vittime. A Salonicco e non solo si sono registrati seri problemi.

Il maltempo colpisce la Grecia

Negli ultimi giorni piogge intense stanno bagnando l’entroterra balcanico, apportando danni consistenti. A Ovest di Atene si contano le prime vittime. Alcuni si trovavano all’interno delle proprie abitazioni, altre nei loro autoveicoli. Al contrario, una decina di persone che viaggiavano su un autobus sono riuscite a fuoriuscire dal mezzo, salvandosi. La forte perturbazione si è spostata dalle coste dell’Adriatico a quelle della Grecia, estendendosi fino all’entroterra e raggiungendo il comparto Occidentale della penisola.

Le piogge diffuse stanno provocando seri problemi e numerosi allagamenti in tutto il territorio dell’ex Jugoslavia. Ma la più colpita rimane la Grecia.

Nella zona di Atene, infatti, si sono registrati fenomeni particolarmente violenti, rendendo molte strade assolutamente impercorribili. Inoltre, martedì 8 maggio è stato avvistato almeno un tornado nella zona di Calamata.

Il maltempo non ha risparmiato neanche le isole. A Corfù e Paxos i danni sono numerosi. Buona parte dell’isola è inondata a causa delle piogge battenti, mentre i vigili del fuoco sono impegnati in case e scantinati, per limitare i danni provocati dalle inondazioni e rimuovere alberi sradicati dal maltempo. A essere risentirne fortemente è anche la produzione agricola della zona: si contano danni a circa un migliaio di olivi.

A Salonicco un gruppo di 24 studenti della scuola superiore di Argalasti e Volos sono rimasti intrappolati per oltre 4 ore, a causa delle inondazioni nelle zone circostanti. Con loro 10 turisti inglesi. A salvarli è stato l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco. Fonti locali spiegano che la tempesta di giovedì 3 maggio ha creato problemi enormi e danni attualmente non quantificabili.

Molti negozi, ma anche case e seminterrati, sono stati allagati durante l’acquazzone. Le strade sono diventate dei fiumi. E’ stata inondata la famosa Torre Bianca sul lungomare della città, insieme con gli scantinati del municipio. Anche l’aeroporto ha ripreso a funzionare dopo diverse ore di blackout, così ha spiegato alle fonti greche e macedoni il portavoce di Fraport Grecia, Yannis Papazoglu.

Grecia

Salonicco in stato d’emergenza

I vigili del fuoco di Salonicco hanno ricevuto più di 300 chiamate d’emergenza per rimuovere l’acqua dagli scantinati, dai negozi e dagli appartamenti al piano terra. La colpa è della tempesta di grandine che si è abbattuta sulla città nella giornata di giovedì 3 maggio.

Il coordinatore delle operazioni dei vigili del fuoco, parlando con l’agenzia stampa macedone di Atene, ha detto: “L’acqua ha inondato strade ed edifici, compresa la famosa Torre Bianca. Numerosi sono i veicoli rimasti intrappolati”.

I vigili del fuoco hanno liberato quattro persone rimaste intrappolate sul ponte Agion Panton, insieme a una donna spazzata via dall’acqua e dal vento.

Numerosi disagi nell’aeroporto della città, dove è stato dato l’obbligo di sospendere i rifornimenti dei velivoli. Attualmente l’aeroporto è in piena attività.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche