×

Green Pass, il Ministero della Salute segnala una truffa che arriva via mail

Il Ministero della Salute, attraverso la sua pagina Facebook, ha segnalato una truffa che riguarda il green pass e arriva via mail: ecco tutti i dettagli

Green Pass, la nuova truffa segnalata dal Ministero arriva via Mail

“Stanno circolando email false da un mittente che si finge il Ministero della Salute” è questo l’incipit dell’avviso diramato dal Ministero stesso a tutti i cittadini italiani nella difficile era di Covid-19.

Nella giornata di venerdì 28 gennaio 2022, il Ministero della Salute ha pubblicato sulla sua pagina Facebook ufficiale, tutti i dettagli che riguardano questa nuova truffa che arriva via mail e ha come protagonista il Green Pass. 

La nuova truffa via mail ha come protagonista il Green Pass: l’allerta del Ministero

Il Green Pass è ormai protagonista indiscusso nell’era di Covid-19 ed è diventato strumento indispensabile nella vita di tutti i giorni, è forse per questo motivo che alcuni “furbetti” hanno ben pensato di mettere in atto una truffa che lo sfrutta per rubare dati personali oppure soldi, attraverso alcuni link contenuti in email del tutto false nel loro contenuto.

E così, il Ministero della Salute nella giornata del 28 gennaio 2022 ha messo in guardia i cittadini italiani da questo nuovo e “originalissimo” tentativo di truffa:

“Se hai ricevuto un’email con oggetto Attenzione: Certificazione verde Covid-19 sospesa, inviata da ministerodellasalute.pro.it, NON PROVIENE dal Ministero della Salute, ma si tratta di un tentativo di phishing“.

La truffa del Green Pass: ecco che cos’è il Phishing

A spiegare in cosa consiste il Phishing e dunque quali sono i rischi che si corrono attraverso questo tipo di truffa sul Web, è stato lo stesso Ministero della Salute, all’interno del comunicato pubblicato su Facebook:

“Il Phishing è un tipo di truffa effettuata su Internet attraverso la quale malintenzionati cercano di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali per farne un uso improprio”.

In questo caso il tentativo di estorisione dei dati personali viene effettuato dai truffatori attraverso i link contenuti all’interno dell’email, che a loro dire servirebbero a risolvere l’inesistente problematica della sospensione del Green Pass.

È dunque di fondamentale importanza ricordarsi sempre di non cliccare mai su questi link, che quasi sempre rimandano a pagine dove è necessario inserire i propri dati personali o relativi a carte di credito o conti.

Truffa del Green Pass: cosa fare se si riceve la mail?

Il comunicato del Ministero della Salute invita i cittadini che trovino questa mail di truffa all’interno dellla propria posta elettronica, a contattare il numero 1500, per chiarire eventuali richieste o dubbi riguardo durata, utilizzo e validità della propria certificazione verde.

Vi ricordiamo che il 1500 è il numero di pubblica utilità che è stato attivato per rispondere a tutti i quesiti che riguardano Covid-19 e dunque anche per quelli che riguardano il Green Pass.

Contents.media
Ultima ora