×

Green Pass, Vittorio Sgarbi: “Odioso e inaccettabile ricatto di Stato”

Il critico d’arte Vittorio Sgarbi ha espresso la sua contrarietà verso il Green Pass, definendolo un “odioso e inaccettabile ricatto di Stato”.

governo
CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 82

Il sindaco di Sutri e critico d’arte Vittorio Sgarbi ha espresso la propria opinione in merito alle ultime iniziative approvate dal Governo presieduto dall’economista Mario Draghi, soffermandosi sul vaccino sviluppato contro il coronavirus e sull’estensione del Green Pass ai lavoratori pubblici e privati.

Green Pass, Vittorio Sgarbi: ospite a “Quarta Repubblica”

Nella serata di lunedì 20 settembre, Vittorio Sgarbi è stato ospite di Nicola Porro a Quarta Repubblica, programma trasmesso su Rete 4. In questa circostanza, l’eccentrico critico d’arte ha rilasciato alcune dichiarazioni su differenti temi. In particolare, l’attuale sindaco di Sutri si è concentrato principalmente su alcune delle più recenti misure adottate dal Governo guidato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Vittorio Sgarbi, infatti, ha analizzato in modo acuto e spiazzante la gestione della pandemia da parte dell’esecutivo e ha affrontato l’andamento della campagna vaccinale in Italia e l’estensione del Green Pass ai lavoratori pubblici e privati.

Green Pass, Vittorio Sgarbi: campagna vaccinale e no vax

Per quanto riguarda tematiche come vaccino anti-Covid e Green Pass, Vittorio Sgarbi ha sempre manifestato posizioni estremamente critiche che sono state ribadite nello studio di Quarta Repubblica.

Durante la trasmissione in onda su Rete 4, il sindaco di Sutri ha proposto un “ribaltamento” rispetto alla tradizionale e più usuale impostazione del dibattito sulla pandemia. Dialogando circa i cittadini che rifiutano di aderire alla campagna vaccinale, il critico d’arte ha osservato: “Il problema riguarda i non vaccinati che devono avere paura di prendersi il Covid.

Chi è vaccinato di cosa deve avere paura?”.

Il punto di vista è Sgarbi appare totalmente radicale seppur intriso di una certa logica.

Green Pass, Vittorio Sgarbi: “Odioso e inaccettabile ricatto di Stato”

Ancora, durante la sua partecipazione a Quarta Repubblica, il critico d’arte ha deciso di argomentare in modo più dettagliato la sua riflessione, spiegando: “Da vaccinato non mi sento affatto minacciato da qualcuno che il vaccino non lo ha fatto, è un problema suo.

Se non c’è un obbligo di legge va rispettata, e non soltanto a parole, la libertà di scelta. Ed è per questo che il Green Pass rimane un odioso e inaccettabile ricatto di Stato”.

Con quest’ultima affermazione, infatti, Vittorio Sgarbi ha nuovamente palesato la sua contrarietà e il suo rifiuto contro l’adozione del certificato verde in Italia.

Contents.media
Ultima ora