Grillo prende in giro Salvini: troppi migranti in spiaggia
Grillo prende in giro Salvini: troppi migranti in spiaggia
Politica

Grillo prende in giro Salvini: troppi migranti in spiaggia

Grillo

Beppe Grillo fa finta di chiamare al telefono Matteo Salvini perché preoccupato che in spiaggia c'è un uomo di colore che prende il sole "come tutti".

Beppe Grillo continua a sferrare attacchi contro il governo giallo-verde. Dopo il post critico a seguito della prima bocciatura della riforma Orlando sulle carceri, il fondatore del MoVimento 5 Stelle pubblica un post dove prende in giro la politica sull’immigrazione di Matteo Salvini. Nel video pubblicato sul suo blog e sulla sua pagina Facebook, Grillo infatti fa finta di chiamare il ministro dell’Interno appena vede un uomo di colore prendere il sole su una spiaggia.

Il finto siparietto di Grillo in spiaggia

“Salvini – dice – questo qua è insinuato tra noi, sta dormendo sulla sdraio esattamente come noi. E’ da stamattina che dorme”. “Non so cosa sta succedendo, se perdi il polso della situazione non è mica colpa mia” dice il comico, facendo finta di parlare con il leader leghista. “Questo mischiarsi, che non era mai successo su questa spiaggia qua” aggiunge ironico indicando l’uomo di colore”. “Fai qualcosa” esorta quindi Beppe Grillo. “Salvini dove sei? Cosa fai a Milano Marittima? – domanda – Vieni qui in Sardegna, guarda cosa sta succedendo…”.

Beppe Grillo prosegue lo sketch informando poi Matteo Salvini che “vanno anche in acqua, fanno il bagno.

Non so se anche a Milano Marittima succede questo ma qui ormai il fenomeno è incontenibile”. “Bambini venite fuori dall’acqua” grida quindi il garante del M5S, facendo finta di essere preoccupato per il fatto che un uomo di colore sta nuotando vicino a loro. “Salvini – conclude in un’altra finta telefonata – guarda che sta anche bevendo al bar. Ha ordinato una tonica, come se fosse normale per lui”. “Fai qualcosa perché la situazione ti sta scappando di mano. O lo dico a Luigi (di Maio, ndr)? – osservando però – Ma Luigi è buono”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche