Gta 6: data di uscita, anticipazioni, personaggi
Gta 6: data di uscita, anticipazioni, personaggi
Videogiochi

Gta 6: data di uscita, anticipazioni, personaggi

Gta 6: data di uscita, anticipazioni, personaggi
Gta 6: data di uscita, anticipazioni, personaggi

GTA 6 uscirà nel 2020, non si sa ancora molto, ma i fan sono già in trepidazione dopo alcune rivelazioni su location e personaggi

Sono ben pochi i videogiocatori che non hanno mai giocato a un titolo della serie GTA. La notorietà di questo prodotto lo rende uno dei giochi più importanti dell’ultimo ventennio. Ad oggi esistono 15 titoli di GTA (solo 5 però sono i principali), il primo è uscito nel 1997 e l’ultimo nel 2013. Tuttavia ci sarà ancora molto da aspettare per i fan di questa icona del mondo videoludico contemporaneo. Forse sarà disponibile un trailer solo per il 2018.

Gli sviluppatori della Rockstar Games non vogliono vivere della rendita del successo abnorme di pubblico dei suoi titoli. L’obiettivo è quello di soddisfare e sorprendere i fan con il nuovo GTA 6 entro il 2020. Riuscire a sorprendere ancora una volta non sarà un compito facile. Le nuove possibilità di gioco e di interazione con il mondo virtuale sono state centrali nel lancio di ogni nuovo titolo, tanto che è difficile immaginare come la Rockstar Games riuscirà ad alzare ulteriormente l’asticella.

Il motivo del ritardo nello sviluppo

La necessità di produrre un ottimo gioco, che non deluda le aspettative dei milioni di fan sparsi per il mondo, obbliga gli sviluppatori della Rockstar Games a tempi molto lunghi.

Un fallimento di vendite, per un gioco da tripla A di questa portata, potrebbe causare una crisi generale del mercato videoludico, influendo anche sulle agenzie di vendita di console e giochi.

GTA 6 non può quindi essere un flop. I creators dovranno scervellarsi per migliorare ulteriormente il livello di gioco già altissimo offerto dall’ultimo titolo. Ma questo non è l’unico motivo. La Rockstar Games ha deciso infatti di accantonare in parte il progetto GTA 6 per concentrarsi maggiormente su Red Dead Redempion 2, altro titolo di punta di questa casa di produzione. Red Dead Redemption 2 uscirà durante l’autunno di quest’anno, dal 2018 quindi dovremmo iniziare a ricevere maggiori informazioni sull’avanzamento dei lavori su GTA 6.

Alcune anticipazioni sulla location

Le informazioni su questo nuovo capitolo della serie GTA sono ancora poche e in forma ancora embrionale. La tematica di base, ovviamente, sarà ancora quella della criminalità nella realtà urbana di periferia.

Per i neofiti occorre ricordare che la sigla GTA sta appunto per Grand Theft Auto. Questo termine negli Stati Uniti viene utilizzato per indicare i furti di veicoli, un elemento centrale della serie.

Le possibilità nei vari giochi di GTA sono aumentate, fino ad arrivare alla possibilità di usare elicotteri e aeroplani. Difficile immaginare cosa si inventeranno ancora gli sviluppatori. Un rumors parla di un radicale cambiamento nella location. Tutti i titoli sono ambientati in realtà urbane fittizie fortemente ispirate a città realmente esistenti come Los Angeles, Las Vegas, New York City. Alcune indiscrezioni suggerirebbero che GTA 6 potrebbe essere ambientato a Tokyo, nel mondo della criminalità giapponese.

Indiscrezioni sui personaggi

In GTA 5 i protagonisti erano ben tre. Questa novità, particolarmente apprezzata dai giocatori, ha reso il gioco più diversificato, la trama più varia e intrigante. Per questo motivo anche GTA 6 potrebbe avere questa stessa possibilità di gioco, introducendo però il primo personaggio giocabile femminile.

Questa possibilità non è stata né scartata né confermata da Dan Houser, vicepresidente della Rockstar Games, durante un’intervista al “The Guardian”. L’introduzione di un personaggio femminile potrebbe garantire una ventata di novità al gioco, che da sempre è rimasto incentrato su personaggi maschili.

Dopo le sue dichiarazioni l’hype è salito alle stelle.

L’importanza di un personaggio femminile

Se dovesse essere confermata la presenza di un personaggio femminile la Rockstar Games potrebbe anche limitare eventuali problemi di varia natura. Dopo l’uscita di GTA V, infatti, diverse associazioni femministe hanno protestato contro alcuni elementi misogini presenti nel gioco. Le femministe erano, nello specifico, particolarmente critiche nei confronti del mondo in cui venivano trattate le donne all’interno del gioco.

Dopotutto GTA è un titolo che punta a raffigurare, talvolta con poco realismo, il mondo della criminalità di strada, dove la posizione della donna è spesso anche peggiore di come viene rappresentata nella realtà fittizia. Le proteste delle associazioni femministe hanno comunque portato il governo australiano a censurare il gioco in Australia, scatenando la furia degli appassionati. La presenza di una protagonista femminile forte e risoluta, sulla falsariga delle eroine che spopolano in serie TV, cartoni animati e film, potrebbe proteggere la Rockstar Games da altri problemi con le associazioni femministe.

Anche i fan desiderano provare a utilizzare un personaggio femminile come protagonista giocabile.

Le possibilità delle nuove tecnologie

Abbiamo prima parlato della forte necessità che ha la Rockstar Games di innovare continuamente i giochi della serie GTA. Per ora un modo efficace di stupire i videogiocatori è stato quello di ampliare di volta in volta lo spazio della mappa, arricchendo ogni angolo della città rappresentata con dettagli veramente sorprendenti. Sarà difficile riuscire a fare di più, ma probabilmente la Rockstar Games ci riuscirà, come ha sempre fatto.

Un aiuto potrebbe arrivare dalle recenti tencologie, in procinto di cambiare l’orientamento dell’intero mercato videoludico. I visori e la realtà virtuale sembrano essere la principale soluzione per portare GTA a un livello successivo. Una città virtuale ampia come quelle a cui ci ha abituato la Rockstar Games, esplorabile in una realtà virtuale come quella che si sta recentemente sviluppando sempre di più, può garantire un successo di pubblico mai visto prima per GTA.

Ma non finisce qui.

Se un titolo tanto celebre dovesse favorire l’utilizzo di visori per realtà virtuale, allora anche questo mercato potrebbe definitivamente prendere il largo. Il mercato della realtà virtuale è in costante crescita ma le sue abnormi potenzialità non sono ancora state espresse. Nel 2020, con l’uscita di GTA 6, potremmo finalmente trovarci di fronte ad una nuova importante rivoluzione nel mondo delle console e dei videogiochi.

Perché è giusto aspettare

Abbiamo già spiegato perché la Rockstar Games è stata obbligata a procrastinare il lavoro sull’uscita del gioco, ma ci sono altri motivi che forse andranno a vantaggio dei videogiocatori. Innanzitutto GTA V continua ad essere molto venduto, se GTA 6 dovesse uscire troppo presto sarà proprio GTA V il gioco che – in termini di vendite- ne soffrirà maggiormente.Questo obbligherebbe la Rockstar Games a porre un prezzo iniziale sufficientemente alto da “recuperare” gli eventuali cali di vendita di GTA V, che dopo l’uscita del sesto capitolo sarà riposto nel dimenticatoio dai videogiocatori, nonostante l’importanza avuta per il periodo PS4/Xbox One.

Inoltre aspettare il 2020 significa anche beneficiare delle nuove tecnologie e dei miglioramenti delle tecnologie attuali che potrebbero interessare i tre anni che verranno.

La realtà virtuale potrebbe diventare ancora più efficiente e il prezzo dei visori VR potrebbe calare nel tempo, rendendo questa formidabile tecnologia più accessibile per tutti.

Se non l’avete già fatto vi consigliamo di immergervi nel mondo di GTA 5. Mondo fatto di rapine, gang malavitose e FBI, nel quale potrete vestire i panni di Michael De Santa, Franklin Clinton e Trevor Philips, cosa del tutto nuova rispetto ai precedenti capitoli. Cosa state aspettando, giocateci!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche