×

Guerra in Ucraina, la Cina potrebbe approfittare della situazione: occhi puntati su Taiwan

Dall'Europa all'Asia. Come la guerra tra Russia e Ucraina potrebbe essere un'occasione per la Cina di riconquistare Taiwan.

Cina-Taiwan

La guerra tra Russia ed Ucraina ha sicuramente ripercussioni in tutto il mondo. La Cina, Nazione osservata da altri Stati, analisti ed esperti, si è detta in un primo momento parzialmente neutrale riconoscendo la sovranità Ucraina, ma dall’altra parte non ha voluto definire invasione l’operazione militare effettuata dalla Russia, aggiungendo che sono comprensibili molte delle ragioni che hanno portato Putin ad agire militarmente.

Se la Cina ha espresso queste forti opinioni sulle azioni della Russia è perché ha interessi geopolitici troppo simili ad essa. Finisce infatti nuovamente al centro dell’attenzione la volontà cinese di annettere l’isola di Taiwan.

Dalla guerra tra Russia ed Ucraina alla possibile occupazione di Taiwan da parte della Cina

Le minacce cinesi all’isola di Taiwan sono iniziate ieri, 24 febbraio 2022, mentre la Russia attaccava l’Ucraina.

Potrebbe sembrare solo una strana coincidenza ma forse non lo è. Il governo taiwanese ha annunciato che 9 velivoli militari cinesi hanno sorvolato il loro spazio aereo, raggiungendo anche la capitale Taipei. Le ambizioni cinesi su Taiwan hanno origini storiche che risalgono al lontano 1949.

Un rapido ripasso di storia

La Repubblica di Cina, nota anche come Taiwan, apparteneva anticamente al territorio dell’attuale Cina. Nel 1949, con la proclamazione da parte di Mao Zedong della Repubblica Popolare Cinese, il Partito Nazionalista si rifugiò a Taiwan e proclamò l’indipendenza dell’isola, separandosi ufficialmente dal resto della Cina.

Lo Stato indipendente di Taiwan non è stato però riconosciuto dalla comunità internazionale, ad eccezione di 14 Stati e il Vaticano. Ciò nonostante, molte Nazioni hanno rapporti di collaborazione o commerciali con Taiwan.

La Cina valuterà la reazione al conflitto tra Russia ed Ucraina

Al momento la Cina non ha intenzione di attaccare direttamente l’isola di Taiwan, ma potrebbe sfruttare l’attuale guerra in Ucraina per osservare il comportamento dei Paesi Nato.

Questo potrebbe essere utile alla Cina nell’eventualità in cui decidesse di agire come la Russia, valutando l’entità della reazione dei Paesi occidentali e dunque in base ad essa decidere se attaccare Taiwan o desistere. Va ricordato che, come l’Ucraina, anche Taiwan non è un membro della Nato.

Cina e Russia sempre più alleate

La Cina, inoltre, sembra essere sempre più vicina alla Russia, in quanto ha condannato le sanzioni imposte dagli Stati Uniti d’America e dagli altri Paesi Nato. A proprosito di sanzioni, il presidente cinese Xi Jinping ha sentito il presidente russo Vladimir Putin, dichiarando di voler comprare gas e grano dalla Russia attenuando così l’effetto delle future sanzioni. Reuters ha riportato poche ore fa che la Cina sarebbe disposta ad appoggiare la Russia nella risoluzione della crisi Ucraina attraverso il dialogo.

Contents.media
Ultima ora