> > Guglielmo presenta “Leggero”: “Il nuovo singolo nasce dall’esigenza d...

Guglielmo presenta “Leggero”: “Il nuovo singolo nasce dall’esigenza di liberarmi da sensazioni velenose”

Guglielmo nuovo singolo Leggero

Nell’intervista Guglielmo presenta il nuovo singolo, “Leggero”, la bellezza e le difficoltà di avere 25 anni e la determinazione con cui insegue nuovi sogni.

“Leggero”, come i suoi 25 anni.

“Leggero” come l’animo di chi ha voglia di evadere dalla pesantezza opprimente di alcuni problemi. Infine, “Leggero” come chi ha liberato la testa dai pensieri e torna a godersi la vita con serenità. Lo racconta Guglielmo nel suo nuovo singolo, “Leggero”. Si tratta di un brano rock scritto e composto dallo stesso Guglielmo Fineschi, cantautore senese che si caratterizza per le sonorità che richiamano il punk rock moderno. Per il suo nuovo singolo si avvale della produzione e l’arrangiamento di Vincenzo Cristi (voce e chitarra dei Vanilla Sky).

Attraverso le sue parole, l’artista va alla ricerca della serenità fisica e psicologica e del difficile tragitto che si deve percorrere per tentare di raggiungerla. Nell’intervista ha presentato il suo nuovo progetto, confidato qualcosa in più su di sé e svelato i prossimi lavori che desidera far scoprire ai fan.

Guglielmo presenta il suo nuovo singolo, “Leggero”

“Leggero” è un brano nato in maniera naturale, “improvvisamente, da una mia esigenza personale”, spiega lo stesso autore.

Presentando il suo nuovo singolo, Guglielmo ha spiegato: “L’intera canzone è una metafora legata alla tematica dell’overthinking, quel pensare in maniera ossessiva che mette in standby il lato razionale della nostra mente per fare posto a tutte le angosce, paure e rimpianti che confondono la nostra testa. La stessa testa che nei ritornelli dico di voler calciare il più lontano possibile, l’unica speranza per tornare a vivere”.

Quindi ha aggiunto: “La canzone è nata in maniera molto spontanea.

Sono sensazioni che ho esternato in un pomeriggio. Avevo l’esigenza di liberarmi da sensazioni velenose. Così ho buttato il veleno su carta ed è nato “Leggero”. Mi piace unire i miei brani con un fil rouge: le mie sono canzoni diverse, ma sempre connesse fra loro. La musica per me deve aiutare chiunque abbia bisogno: voglio fare lo stesso io con chiunque abbia il piacere di ascoltarmi, confermando che la musica si fa portavoce di emozioni personali e, al contempo, universali e condivisibili.

“Ho iniziato a scrivere a 18 anni e solo anni dopo ho capito di dover fare uscire le mie canzoni. Ho mosso i miei primi passi proprio per l’esigenza di condividere alcune sensazioni”, ha confidato.

Guglielmo nuovo singolo Leggero

Anche a 25 anni, come in altri momenti della vita, si sente l’esigenza di liberare la mente, di staccare, di scrollarsi di dosso problemi e pensieri. Ora Guglielmo si sente davvero “leggero” e che consiglio darebbe a chi si sente oppresso da paure e angosce? “È stato liberatorio finire di scrivere la canzone, ma ancora più liberatorio quando ho finito di inciderla. Una volta pubblicata, sono stata bene. Tuttavia, penso che alcuni demoni restano presenti, è difficile liberarsene. Per me è anche una fortuna, perché provo a farli uscire grazie alla musica. Da tutto ciò che vivo cerco di trarne il meglio”, ha sottolineato.

Non nasconde che a 25 anni si sente “più maturo rispetto a qualche anno fa e così ho imparato a riflettere più a fondo sui miei problemi, comprendendo che questi sono parte della vita. L’essere umano tende a guardare sempre il negativo: bisogna trasformare la negatività in qualcosa di migliore. Ho l’età in cui ti senti davanti a un burrone e ti devi lanciare, ma non sai se il paracadute si aprirà. Ora comincio a sentirmi adulto, ma non mancano le incertezze. Per mantenermi gli studi di registrazione, ho fatto tre lavori contemporaneamente. Ho persino aperto un B&B, ma è scoppiata la pandemia rendendo incerto anche un lavoro che sarebbe potuto andare bene. Anche la musica è incerta, non so cosa mi riserverà il futuro: non si sa mai, ma non voglio smettere di provarci. Sto provando in tutti i modi a fare ciò per cui mi sento portato: mi guardo allo specchio e so di dare il massimo ogni giorno. Posso dormire sonni tranquilli”.

Guglielmo nuovo singolo Leggero

I prossimi progetti

Giovanissimo (classe 1996), Guglielmo Fineschi è un cantautore nato a Siena. La sua ispirazione musicale arriva dal mondo del rock (nello specifico grunge, punk-rock) e da quello del cantautorato. Dal 2015 al 2019 si esibisce live da solista e anche all’interno di alcuni gruppi rock. Nel 2018 vince il contest “Rock My Life”, che gli dà la possibilità di aprire i concerti dei Rhumornero e dei Finley. Dopo un periodo dedicato alla scrittura, nel 2020 pubblica due brani “Rivoluzione Naturale” e “Iniezioni di solitudine” con l’etichetta Brano Inedito, in collaborazione con Virus Studio (Jacopo Pettini producer, mix Alessandro Guasconi, master Stefano Borzi, batterie Niccolò Maggi, chitarre Giacomo Pianigiani, Jacopo Palumbo, basso Jacopo Pettini).

Dopo la firma con l’etichetta Ghiro records, nel gennaio 2021 pubblica il brano “Mi sono rotto il caos” con la produzione di Vincenzo Cristi e la collaborazione del batterista Giovanni Cilio. Nell’aprile 2021 pubblica il suo ultimo brano “A piedi scalzi” (Ghiro Records e prodotta da Virus Studio), un brano sul problema dell’overthinking e sull’instabilità mentale che esso crea.

Ora è entusiasta per l’uscita di “Leggero” e non smette di lavorare. Sui prossimi progetti, infatti, ha dichiarato: “Ad aprile presenterò una mia nuova canzone, intanto sto facendo un po’ di contest dove presenterò dei brani nuovi, che successivamente pubblicherò”.