Giornate FAI primavera 2019: cosa vedere nelle città italiane | Notizie.it
Giornate FAI 2019: alla scoperta del patrimonio culturale italiano
Guide

Giornate FAI 2019: alla scoperta del patrimonio culturale italiano

giornate fai
giornate fai

Sabato 23 e domenica 24 marzo 2019 si terranno le giornate FAI di primavera: l'occasione perfetta per visitare luoghi culturali spesso inaccessibili.

La stagione primaverile è ufficialmente cominciata: dal 20 marzo, infatti, l’equinozio ha portato calde giornate di sole e tanta voglia di vacanze. Come ogni anno, i volontari della FAI hanno organizzato un weekend di eventi e aperture straordinarie di luoghi culturali. La manifestazione, lanciata per la prima volta nel 1992, intende mostrare agli italiani la bellezza del patrimonio artistico, culturale e storico del nostro paese. I luoghi accessibili saranno più di 12.000, molti dei quali non sempre accessibili e dislocati in più di 5.000 città diverse. Nei 27 anni dal lancio di quest’evento, si stima una partecipazione media di 10 milioni di italiani.

FAI ponte tra culture

In Italia è prevista l’apertura di 1100 luoghi sparsi per 430 località diverse. Il tema scelto riguarda il multiculturalismo: l’obbiettivo è creare un ponte di collegamento tra culture differenti che si intrecciano e si scambiano tra loro. Sarà l’occasione perfetta per organizzare una gita fuori porta con bambini, adulti, ragazzi e anziani accomunati dalla voglia di scoprire le bellezze del proprio territorio.

Verranno coinvolti oltre 40.000 collaboratori o apprendisti ciceroni provenienti da scuole o università e pronti a mettersi in gioco per la piena riuscita del progetto. I volontari FAI chiederanno, per ogni visita effettuata, un piccolo contributo per tutelare e preservare il nostro patrimonio: un’offerta a partire da 2, 3 o 5 euro. Sarà anche possibile iscriversi all’associazione per avere accesso prioritario ai diversi luoghi aperti per l’occasione.

Giornate FAI 2019 in Lombardia

Un grande ritorno sarà l’apertura del Palazzo della Banca d’Italia a Milano. Nelle edizioni del 2012 e del 2017, infatti, aveva riscosso un enorme successo grazie ai suoi saloni adorni di opere d’arte. L’edificio richiama lo stile greco-romano e risale ai primi anni del 1900, quando Tommaso Bertarelli, allora Presidente della Banca, ne commissionò la costruzione. Sarà possibile partecipare alle visite guidate attraverso le sale di direzione, riunione e rappresentanza, godendo di una passeggiata presso il giardino aperto al pubblico. Un’altra apertura straordinaria riguarda il Palazzo Isimbardi, sede della provincia e dal 2015 anche della città metropolitana di Milano. I diversi passaggi di proprietà nel corso degli anni hanno arricchito il patrimonio artistico del palazzo, nonostante il bombardamento avvenuto durante il secondo conflitto mondiale. Ad oggi si possono ammirare numerosi affreschi, sale decorate e collezioni d’arte. Si deve, invece, ad Adolf Loos la costruzione della Residenza Vignale, aperta al pubblico in tutta la sua semplicità.

Giornate FAI 2019: Roma e Torino

La capitale offre un gran numero di luoghi culturali da non perdere: gli orari di apertura vanno dalle 10 alle 18, il contributo partirà da 3 euro. Tra gli edifici di maggior spicco troviamo la Corte Costituzionale, il Palazzo della Rovere, Palazzo Firenze, Parco Villa Gregoriana e la Chiesa di san Silvestro al Quirinale. In particolare, nei saloni del Palazzo della Consulta, sede della Corte Costituzionale, si discuterà degli articoli 8, 9, 10 della nostra Costituzione. I temi toccati riguarderanno la libertà di culto, la tutela del patrimonio culturale e il diritto di asilo per gli stranieri.

Se siete più vicini a Torino, invece, non potete perdervi la Chiesa di Santa Chiara, il Complesso Monumentale di San Filippo Neri, il Museo della Plastica e la Casa del Conte Vecchio a Rivoli. Inoltre, nel Gabinetto Cinese del Palazzo Reale della città sarà allestita un’interessante esposizione sui luoghi dell’Estremo Oriente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche