×

Legge 104: come usufruire di tutti i benefici

Condividi su Facebook

La Legge 104 permette una assistenza migliori ad invalidi o anziani che presentano un handicap.

assistenza anziani
legge 104

Con la cosiddetta legge 104 ci si riferisce ad una normativa che riconosce determinati benefici non solo alle persone disabili, anziane e con gravi handicap, ma anche ai loro familiari. In questo articolo si andranno ad elencare tutti i modi per poter usufruire di questa legge, analizzando gli enti a cui rivolgersi.

Richiedere la Legge 104 per un familiare invalido

Nel caso in cui si abbia l’esigenza di usufruire della legge 104 per agevolare un genitore anziano, invalido o con un grave handicap, prima di tutto bisogna rivolgersi all’Inps per il riconoscimento dell’invalidità stessa della persona da assistere. Si tratta di un iter piuttosto complesso ed articolato che termina con il riconoscimento dell’handicap dalla commissione medica: a questo punto viene rilasciato un particolare certificato che garantisce la piena fruibilità di tutte le agevolazioni della legge 104.

Successivamente, per avere la possibilità di assistere il proprio familiare, il richiedente deve fare domanda sempre all’Inps e al proprio datore di lavoro per ottenere i cosiddetti permessi Legge 104. Ecco, passo dopo passo, tutte le fasi del procedimento per ottenere le agevolazioni.

Il certificato medico

Come anticipato prima, è necessario come prima cosa richiedere un certificato al proprio medico curante, dal quale deve emergere un handicap grave come può essere l’invalidità, una completa o parziale non autosufficienza e altre malattie come cecità e sordità.

Questo attestato è chiamato SS3 e deve essere redatto su un particolare modello predisposto dall’Istituto Inps, per poi essere inviato successivamente al medico dell’ente. Questo passaggio si effettua generalmente per via telematica. A questo punto il richiedente riceverà la ricevuta con il protocollo d’invio: è molto importante conservare questo documento perché sarà richiesto al momento della domanda all’Inps.

Domanda presso l’Inps

Dopo il rilascio del certificato, il richiedente deve fare domanda all’Inps entro e non oltre 30 giorni, pena la scadenza dello stesso certificato che deve essere rifatto da capo.

Questa procedura riguarda sia il riconoscimento dell’handicap che dell’invalidità che dell’inabilità. La domanda può essere inviata tramite molteplici modalità, ad esempio mediante il sito web dell’Inps, visitando il campo dedicato ai servizi per il cittadino e inserendo lo specifico codice pin. Oppure, il richiedente può contattare il numero 803.164 del Contact Center Inps Inail; anche in questo caso è necessario possedere il codice pin.

All’interno del modulo di domanda, in tutte e tre le modalità, bisogna inserire il codice univoco riportato sulla ricevuta di protocollo d’invio.

Dopo aver terminato questa procedura, si effettuano i cosiddetti accertamenti sanitari che possono essere facilmente concordati tra il richiedente e l’ente: nel caso in cui la persona non possa recarsi di persona alla visita per salute o il trasporto ne influenzi la sua incolumità, è possibile richiedere un accertamento sanitario domiciliare.

Le agevolazioni della Legge 104

Se viene riscontrata una disabilità grave, sono possibili dei benefici di questo tipo, sia per l’interessato che per chi l’assiste sono diverse le agevolazioni previste:

  • permessi lavorativi: sono concessi tre giorni di lavoro retribuito, sia per il portatore di handicap che per chi lo assiste, e sono frazionabili anche da un punto di vista orario;
  • congedo straordinario pagato: è possibile richiedere fino ad un massimo di due anni di lavoro retribuito;
  • rifiuto al lavoro di notte e ad un eventuale trasferimento;
  • possibilità di scelta della sede di lavoro, in caso di dipendente pubblico;
  • specifiche agevolazioni fiscali sull’acquisto di attrezzature, per assistenza medica, sussidi e spese mediche.

Se la persona disabile, con un’invalidità al 100%, ha difficoltà a camminare da solo, riceve di diritto un assegno di accompagnamento.
Nel caso gli venga riconosciuta una disabilità per l’assoluta incapacità a lavorare, riceverà una pensione di inabilità, se ha versato almeno 5 anni di contributi. Altrimenti avrà una pensione di invalidità civile. Infine, se gli viene diagnosticata un’invalidità superiore ai 2/3 ha diritto all’assegno ordinario d’invalidità.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.