×

Lavanderia a gettoni: cambiare la vita diventando imprenditori

Al giorno d'oggi è bene risparmiare dove si può. Investire in una lavanderia a gettoni può essere un'ottima idea imprenditoriale, per risparmiare sia sui costi che sulla spesa.

Lavanderia a gettoni

In tempi di crisi finanziaria come quelli che si stanno vivendo da qualche anno a questa parte, chiunque abbia dei risparmi dovrebbe metterli al sicuro o, meglio, farli fruttare.

Aprire una lavanderia a gettoni è un ottimo investimento finanziario, sia in termini di costi, sia in termini di spesa.

Come investire i propri soldi

Chiunque desideri capitalizzare (far fruttare) al massimo i risparmi e che, al tempo stesso, voglia fare un cambio radicale nella propria vita avviando un’impresa propria, dovrà prima capire quale sia la migliore scelta in termini di rendita tenendo conto dell’investimento iniziale.

È dunque in questo quadro che si inseriscono le lavanderie self service Bloomestlaundry. Possono esse essere una buona soluzione? Quanto costa aprire una lavanderia a gettoni? Scopri come aprire una lavanderia gettoni e continua la lettura per maggiori dettagli.

Lavanderia automatica: perché è meglio di quella tradizionale?

Le lavanderie tradizionali eseguono un tipo di lavaggio detto “a secco”, vale a dire senza acqua ma con l’ausilio di solventi organici industriali. In questo tipo di lavanderia è ancora necessaria la presenza di personale per mandare avanti l’attività.

Le lavanderie automatiche, o self service, sono dei locali commerciali dotati di lavatrici professionali e automatiche che possono essere usate dai clienti senza alcuna assistenza da parte del personale. Le più moderne lavanderie di questo tipo posseggono delle casse automatiche per il pagamento.

Sono inoltre presenti delle macchine per asciugare il bucato.

I vantaggi delle lavanderie automatiche sono quindi lampanti:

  • • non serve personale
  • • non serve un magazzino per la stipa dei capi lavati
  • • il cliente paga prima del servizio
  • • la gestione non deve essere continuativa.

Cosa conviene considerare prima di aprire una lavanderia automatica

Come ogni iniziativa imprenditoriale e prima ancora di capire quanto costa aprire una lavanderia a gettoni, conviene considerare degli aspetti chiave:

  1. 1. Localizzazione geografica: l’analisi del territorio è uno dei fattori strategici per avere un’attività di successo, segue poi l’analisi della concorrenza con uno studio sulla tipologia di abitanti e la valutazione della presenza di un parcheggio nelle vicinanze.
  1. 2. Velocità del servizio: per un’attività di successo occorre essere dotati di macchinari professionali (lavatrici, asciugatrici, essiccatoi e lava asciuga) che siano anche veloci ed efficienti.
  1. 3. Qualità del servizio: è indispensabile che i macchinari siano semplici da usare, che sia facile pagare (carte, contanti o card), prezzo competitivo e supporto alla clientela.
  1. 4. Spirito da imprenditore: nessuna attività funziona da sola. Chiunque scelga di aprire una lavanderia self service dovrà avere alle spalle un’azienda seria come Bloomestlaundry che sia di supporto nelle varie fasi della gestione.

Infine, mantenere i locali puliti ed accoglienti, fare una manutenzione costante delle macchine affinché siano sempre efficienti e pulite, offrire strategie di marketing per fidelizzare la clientela e mettere in atto delle promozioni stagionali faranno della lavanderia a gettoni un’attività che cambia la vita.

Quanto costa aprire una lavanderia a gettoni? L’investimento deve essere calcolato in base a diversi elementi, ma contattando Bloomest si può avere un business plan personalizzato e dettagliato così da poter decidere in piena consapevolezza.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche