×

Bronchite: i sintomi e come curarla senza antibiotico

Tra le malattie che ci attaccano con l'arrivo dei primi freddi, la bronchite è particolarmente odiosa: come combatterla al meglio senza antibiotico e con rimedi naturali.

bronchite
bronchite

È inutile girarci intorno: l’Autunno è arrivato e le nostre difese immunitarie cedono sotto i suoi duri colpi. Chi non fosse ancora stato colpito da influenza, raffreddore o mal di gola, sappia che c’è un altro pericolo in agguato: la bronchite. Ma non preoccupatevi; con i nostri consigli saprete affrontarla al meglio.

Come curare la bronchite: i rimedi casalinghi

Molte volte, purtroppo, davvero non abbiamo tempo di prenotare una visita dal medico per poterci far fare la ricetta per una medicina adeguata. Senza contare che a volte sarebbe preferibile, se possibile, non utilizzare antibiotici, che sono tanto utili quanto debilitanti per l’organismo. Ecco dunque una serie di consigli e rimedi casalinghi per poter combattere al meglio questa odiosa malattia chiamata bronchite.

Cos’è la bronchite

Per bronchite si intende un’infiammazione della mucosa che circonda i bronchi, delle strutture ramificate che proteggono i polmoni e permettono il processo respiratorio.

I medici sono soliti distinguere due tipologie di bronchite: acuta e cronica. In base alla tipologia variano sia le conseguenze che le cause.

La bronchite viene definita “acuta” quando è causata da eventuali virus aventi una breve durata. Questa non è semplice da curare ma può essere ostacolata attraverso le giuste prevenzioni. Quando essa si protrae nel tempo viene definita “cronica”, ed è molto complicata da guarire dato che può danneggiare anche la salute degli organi interni.

La bronchite può essere causata da diversi fattori. Solitamente si tratta di virus che interagiscono con il nostro sistema mediante infezioni recepite dalle vie aeree come la trachea, la laringe o la faringe. Essa si manifesta con attacchi di raffreddore, mal di gola, o una semplice influenza.

Questa causa una prima forma di bronchite acuta. Mentre quella cronica è causata dall’aggravarsi delle strutture broncoidali dovute dal fumo o da altre sostanze tossiche assorbite dai bronchi.

I sintomi

La bronchite può manifestarsi in diversi modi in base alla sua gravità. Non sempre si verificano gli stessi sintomi, in quanto anche questi dipendono dalla consistenza dell’infiammazione. I sintomi più evidenti sono sicuramente l’influenza con il successivo mal di gola. Queste causano poi un’eccessiva tosse (la cui gravità è possibile percepire mediante il tono della voce e la raucedine).

Un alto sintomo molto frequente è la febbre, la quale non si manifesta però in tutte le occasioni. In caso di mancanza di febbre bisogna semplicemente assumere degli antinfiammatori per poter rallentare e fermare l’infiammazione.

È evidente che tutte queste complicazioni causano difficoltà respiratorie, fino ad aggravarsi e a manifestarsi come vera e propria bronchite.

Curare la bronchite senza antibiotico

Ci sono diversi modi per curare la bronchite. La maggior parte di questi prevede l’utilizzo di medicinali (non sempre accettati da parte dei pazienti a causa delle controindicazioni). Tuttavia sono aumentati i casi in cui si sperimentano rimedi naturali per poter placare questa infezione.

Una delle metodologie maggiormente utilizzate è la respirazione di vapore acqueo, soprattutto sulfureo. Fin dal tempo dei romani, le terme, oltre che essere utilizzate come luogo d’incontro, venivano sfruttate per i loro effetti positivi sulla salute. Attraverso la respirazione delle sostanze termali sotto forma di vapore polimorfo si riesce a placare la diffusione del virus sgretolandolo attraverso l’espirazione.

Ovviamente si tratta di una cura che va fatta in un lungo periodo di tempo e secondo delle logiche prestabilite dagli specialisti. In base alla propria forma di bronchite verranno sfruttate le diverse caratteristiche di queste acque sulfuree (come la temperatura più o meno alta dell’acqua e le diverse concentrazioni di zolfo). Bisogna però aggiungere che è poco conveniente sfruttare le acque termali nel momento in cui la bronchite è acuta. In questo caso può causare una più grave infezione alle mucose.

Parola d’ordine: riposo

Ci sono alcune prescrizioni generali fatte dai medici per poter alleviare una bronchite di forma meno acuta. Innanzitutto bisogna riposarsi il più possibile. Inoltre i medici prescrivono di bere molta acqua, poiché i liquidi agevolano la cura dell’infiammazione.

Ma la cosa importante è quella di evitare di uscire. Infatti bisogna respirare aria priva di batteri e soprattutto non umida. L’aria fredda è la migliore amica della bronchite; tende ad accentuarla portando forti dolori al petto e preannunciando la sua forma “cronica”. Ad ogni modo, prima di prendere qualsiasi iniziativa, sarà doveroso consultarsi col proprio medico di fiducia.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:

Leggi anche