×

Jimi Hendrix: la morte, i figli e la discografia dell’artista

Jimi Hendrix è da molti ritenuto il più grande chitarrista di tutti i tempi. Un alone di mistero però ne avvolge la morte: tutto sulla vita e sulla discografia dell'artista.

Jimi Hendrix chitarrista
Jimi Hendrix discografia

Parlando di Jimi Hendrix non si può che fare riferimento a uno dei più grandi musicisti dell’ultimo secolo. Il suo nome viene spesso associato non solo al musicista o all’artista ma più in generale al chitarrista. Secondo molti, il più grande chitarrista di tutti i tempi.

Jimi Hendrix nasce a Seattle nel 1942 e muore a Londra nel 1970, a soli ventisette anni. Una vita sicuramente molto breve ma di certo molto intensa sotto tutti i punti di vista, sopratutto per quanto riguarda il livello musicale ed artistico. Jimi è stato uno dei più grandi sostenitori della protesta contro la guerra in Vietnam ed è sempre stato vicino ai gruppi pacifisti dell’epoca, diventandone quasi un’icona.

Jimi Hendrix: la morte

Il chitarrista è particolarmente ricordato dal grande pubblico per due grandi eventi che lo hanno portato alla ribalta e che hanno lasciato un segno indelebile.

Entrambi sono legati alla musica e alle sue esibizioni e non a singole canzoni. Il primo episodio che lo rese celebre fu la prima esibizione di fronte a un grande pubblico: al termine del concerto diede fuoco alla chitarra di fronte ai suoi sostenitori rimasti attoniti.

Il secondo evento che lo ha reso ancora più famoso fu Woodstock, tra i concerti più della storia. Il motivo non fu tanto la sua esibizione bensì la sua interpretazione del tutto personale e inattesa dell’inno nazionale degli Stati Uniti. Hendrix è stato criticato da molti per tale performance, ma il grande pubblico lo ha osannato per la sua esecuzione unica e irripetibile.

Molti hanno provato a sollevare dubbi o perplessità persino sulla morte del musicista, come spesso accade per ogni grande artista scomparso in tenera età.

In molti credono che la vera causa della sua scomparsa non sia quella effettivamente ufficializzata; altri addirittura pensano che l’artista non sia realmente morto.

Comunque, le fonti ufficiali o comunque prese in considerazione dichiarano che la morte del cantante sarebbe avvenuta per intossicazione da barbiturici e soffocamento da vomito. Probabilmente, tale è la fine che in molti si erano aspettati, conoscendo la vita sconsiderata condotta dall’artista sia sul palco che lontano da esso.

Jimi Hendrix: i figli

Una vicenda ancora avvolta nel mistero ed emersa solamente dopo la morte di Jimi Hendrix è la comparsa del tutto inaspettata di un fantomatico figlio che il musicista avrebbe concepito con una fan svedese. Figlio che, oltretutto, avrebbe anche fatto causa al padre di Jimi, James Allen Hendrix, detto “Al”.

L’obiettivo era attingere ai soldi del padre, o del presunto tale.

Fortunatamente Al Hendrix, dopo una dura lotta per tribunali e per vie legali, è riuscito ad avere la meglio, consacrando il suo sogno e portando avanti il suo progetto. Il padre di Jimi, infatti, era intenzionato a far nascere una fondazione di beneficenza con i soldi del figlio e con tutti quelli accumulati negli anni attraverso l’immagine e i diritti musicali dell’artista. Questo trust, o fondo fiduciario, era incaricato di gestire e ripartire i fondi raccolti tra gli appartenenti alla lista della famiglia Hendrix.

Jimi Hendrix: la discografia

La vita discografica dell’icona del rock e del movimento pacifista di quel periodo è stata di certo una delle più brevi che si ricordino ma di certo anche una delle più famose. Dal debutto fino alla sua morte l’artista cavalcò l’onda del successo, durato però solamente quattro anni. In questo breve periodo, tuttavia, riuscì a registrare ben tre album in studio, due album live (cioè registrati durante le sue esibizioni), dodici singoli e addirittura due raccolte.

Naturalmente poi, come spesso capita nel mondo degli artisti, si è scoperto che la prematura morte di Jimi Hendrix ha frenato la corsa di un musicista che avrebbe potuto rappresentare una gallina dalle uova d’oro. Infatti, sono stati pubblicati addirittura undici album postumi, tra raccolte e progetti che Hendrix aveva in programma per la sua carriera.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche