×

Pedro Almodóvar: i film, le frasi celebri e la biografia del regista

La vita, lo stile cinematografico, i film e le frasi celebri delle opere di Pedro Almodóvar, uno dei registi spagnoli più celebri al mondo.

Pedro Almodovar regista
regista spagnolo

Il 25 Settembre 1949 nasce a Calzada de Calatrava, un paesino nel cuore della Spagna, Pedro Almodóvar Caballero. Nonostante la cattolicità pregnante da secoli la penisola iberica, le tematiche trattate da quello che diventerà forse il regista spagnolo più celebre sono, ironicamente, tutt’altro che ortodosse.

Libertinismo, tossicodipendenza, abusi, incesto e omosessualità sono i tabù che Pedro Almodóvar si è divertito di più a denudare. Ciononostante, nelle sue ultime pellicole non si può fare a meno di notare una certa dolce malinconia, forse legata anche alla più matura età autoriale.

Pedro Almodóvar: la vita

Per chi fosse un fan del regista spagnolo e avesse presente le tematiche affrontate nelle sue pellicole, non sarà difficile osservare quanto determinati aspetti della biografia di Pedro Almodóvar abbiano influito sul suo stile.

Dopo aver cambiato più volte residenza e aver studiato presso i frati Franscescani e Salesiani, a 16 anni Pedro si trasferisce a Madrid per poter studiare presso la Scuola Nazionale di Cinema.

Una volta chiusa la scuola per ordine di Francisco Franco, Pedro continua a studiare cinema da autodidatta. Lavorerà per dodici anni presso la società Telefónica e durante questo periodo si interesserà anche di fumetti e teatro d’avanguardia. Perciò si unirà anche al gruppo teatrale de Los Goliardos. Con lo pseudonimo di Patty Diphusa pubblicherà anche svariati articoli su El País e Diario 16.

Pedro acquistò la sua prima macchina da presa all’età di 22 anni e con questa cominciò a girare i primi corti. Proiettati principalmente nei bar o alle feste, questi avevano come tema portante la sessualità e la prostituzione.

Finalmente, nel 1978, comporrà il suo primo mediometraggio dall’emblematico titolo Folle, folle, fólleme, Tim.

Pedro Almodóvar: i film

Nel 1980 sarà il turno di Pepi, Luci, Bom, il primo lungometraggio del regista. Questo tratta di una tortuosa vicenda di stupro e vendetta. Seguirà nel 1982 Labirinto di passioni, una commedia tragico-erotica che non ha nulla da invidiare al Satyricon di Fellini. Tra i molti altri film prodotti, uno dei più degni di nota è senza dubbio La legge del desiderio (1987). Qui possiamo assistere alle disavventure amorose di un regista omosessuale alle prese con un amante omicida.

Come anche indimenticabile è Donne sull’orlo di una crisi di nervi (1988), una pellicola in cui una moglie e un’amante si scoprono tradite da un uomo doppiamente infedele.

Il 1999 è invece l’anno di Tutto su mia madre, che riuscirà a portarsi a casa l’Oscar come miglior film straniero. Il film narra la vicenda di una madre che, volendo mantenere una promessa al figlio scomparso, si reca a Barcellona alla ricerca del padre del ragazzo. Solo qui scoprirà che lui è ormai una lei, Lola.

Simile a La legge del desiderio ma dai risvolti decisamente più oscuri è La mala educación (2004), dove il tema a base del film è la pedofilia dei membri del clero. È infatti proprio questo il frutto marcio che ha rovinato la vita e impedito la storia d’amore dei due protagonisti.

Dulcis in fundo, Dolor y gloria (2019). Questo film ha commosso la scorsa Primavera le sale cinematografiche del mondo ed è valso al protagonista, Antonio Banderas, il premio come miglior attore protagonista al Festival del Cinema di Cannes. Il regista è invece stato premiato all’ultima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con il Leone d’Oro alla carriera.

Le frasi celebri

Se è vero che il cinema di Pedro Almodóvar si esplica soprattutto nelle sue immagini dure, taglienti e talvolta oniriche, non capita di rado che i testi delle sue pellicole possano esserlo altrettanto. Eccone degli esempi:

  • C’è gente che pensa che i figli si facciano in un giorno, però ci vuole tempo, molto. Per questo è così terribile vedere il sangue di un figlio versato per terra.
  • Mi sentivo come Noè: avrei voluto allevare una coppia di ogni specie animale nel pollaio che avevo installato in terrazza. Comunque sia non riuscii a salvare la coppia che mi interessava di più: la mia.
  • Non c’è nulla tra me e lui a parte il dolore.
  • Si scrive per dimenticare il contenuto di ciò che si è scritto.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche