Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Bonus condizionatori: come funziona e come richiederlo
Istruzioni pratiche

Bonus condizionatori: come funziona e come richiederlo

ecobonus
bonus condizionatori

Se si vogliono installare o sostituire i propri condizionatori si può usufruire di un ecobonus che prevede vantaggiose agevolazioni fiscali.

L’estate quest’anno ha ritardato ma non è mancata all’appuntamento; in questo periodo dell’anno bisogna combattere contro afa e caldo insistente. Gli esperti raccomandano di non uscire nelle ore di punta, e nonostante i consigli vengano seguiti, spesso anche in casa bisogna fare i conti con il caldo insopportabile. Per questo motivo, molte persone decidono di installare apparecchi di aria condizionata. I condizionatori, se utilizzati con la giusta dose e seguendo tutte le norme, possono aiutare molto le persone a stare bene in casa, con una temperatura adeguata e salvaguardando la salute, la quale potrebbe essere compromessa da sbalzi eccessivi di temperatura, soprattutto per le persone molto anziane. Quest’anno per l’installazione di sistemi di climatizzazione sono previsti dei bonus e delle agevolazioni fiscali.

Bonus condizionatori: cosa è e come funziona

Il bonus climatizzatori è un’agevolazione fiscale o detrazione sulle spese di installazione impianti di condizionamento. Si tratta di incentivi statali e per accedervi è necessario attenersi alle norme vigenti e rispettare la corretta procedura amministrativa.

Innanzitutto, l’impianto di climatizzazione deve essere eseguito a regola d’arte e seguendo tutte le norme previste da un installatore professionista, che sia in grado di rilasciare anche un attestato o certificato e di tutti i documenti necessari per poter accedere al bonus, che poi saranno trasmessi per ottenere le agevolazioni fiscali previste.

In quali casi si può accedere al bonus? Per la sostituzione di vecchi impianti o per ogni nuova installazione. Ovviamente bisognerà prestare molta attenzione al tipo di apparecchio, il quale oltre a rispettare le norme di sicurezza, dovrà consentire un risparmio energetico sostanziale, presupposto essenziale per l’ottenimento del bonus 2019. In pratica, il bonus climatizzatori 2019 spetta per tutti gli interventi, volti al risparmio energetico, al miglioramento termico degli edifici, compresi i pannelli solari.

Bonus condizionatori: la procedura per richiederlo

Dopo aver effettuato l’intervento a norma di legge e con tutte le certificazioni richieste, il contribuente potrà avere una detrazione del 65% con un limite massimo di 46.254 euro.

Sugli impianti a pompa di calore, la detrazione è del 50%, ed entrambe sono valide fino al 31 dicembre del 2019. Infatti, il 31 dicembre sarà l’ultimo termine utile per il cittadino, per presentare la domanda e accedere al bonus. Inoltre, per gli impianti di condizionamento a basso consumo energetico o per la sostituzione del vecchio impianto è prevista la riduzione dell’iva, che dal 22% passa al 10%. Ogni singola spesa sostenuta per l’installazione dell’impianto di climatizzazione deve essere inserita nelle dichiarazioni dei redditi Unico o 730 della persona intestataria dell’impianto, allegando le certificazioni ricevute dalla ditta installatrice e a tutta la documentazione rilasciata (fatture, pagamenti tracciabili). Inoltre, all’interno dell’ecobonus è consentita una riduzione del 50% anche per l’installazione di infissi, schermature solari, caldaie e altri impianti che riducano il consumo energetico.

Prima di procedere alla richiesta del bonus 2019 è importante verificare se l’impianto può essere inserito all’interno di tre categorie: bonus mobili, interventi di efficienza energetica, ristrutturazione edilizia.

Un altro elemento importante per la richiesta del bonus è il pagamento, che se fatto con bonifico postale o bancario, all’interno della causale bisognerà indicare il motivo per il quale si richiede il bonus: ecobonus, ristrutturazione), la partita iva del rivenditore e infine il codice fiscale di chi acquista il bene. La somma detraibile sarà rimborsabile in 10 rate annuali. Potranno usufruire delle detrazioni, anche le persone che acquistano un immobile da una ditta edile, che abbia effettuato interventi per la riduzione dei consumi energetici. In quest’ultimo caso, bisognerà farsi rilasciare tutta la documentazione, attraverso la quale la ditta cede l’agevolazione fiscale all’acquirente insieme all’immobile. Tale agevolazione, che rientra tra quelle dell’ecobonus, in questo caso verrà applicata nella misura del 25%.

Il miglior climatizzatore portatile

Tra i climatizzatori, esiste una tipologia particolare: il climatizzatore portatile. Questo prodotto consente di rinfrescare qualsiasi stanza in qualsiasi momento, dato che può essere trasportato facilmente da una stanza all’altra ed essere utilizzato senza alcuna installazione a muro. Dal momento, però, che in commercio questa tipologia è molto diffusa, potrebbe non essere facile effettuare una scelta soddisfacente, anche in base alle proprie esigenze.

Per questa ragione, gli esperti e i consumatori che lo stanno utilizzando per combattere il caldo raccomandano di utilizzare Artic Air Cube, reputandolo il migliore climatizzatore portatile del momento . Si tratta di un prodotto che consente di rinfrescare le stanze della casa o dell’ufficio in modo rapido ed efficace. Si rivela, così, un climatizzatore portatile innovativo, grazie alla tecnologia di raffreddamento ad acqua.

È molto facile da usare, dal momento che basta riempire il serbatoio di acqua, collegare l’unità e accenderla. È raccomandato da esperti e consumatori che l’hanno provato per i molteplici benefici che apporta, che nello specifico risultano essere:

  • dispone di una tecnologia innovativa di raffreddamento ad acqua: l’aria calda viene catturata dal climatizzatore e spinta verso un filtro bagnato; quando l’acqua evapora, consente di rilasciare aria fredda e rinfrescare l’ambiente;
  • non usa gas o refrigeranti chimici, rivelandosi un prodotto sano ed ecologico;
  • dispone di tre velocità, per regolare la temperatura più idonea alle esigenze di ciascuno;
  • presenta tre funzioni: non solo, infatti, rinfresca, ma purifica e deumidifica l’aria, condizione di primaria importanza per combattere l’afa estiva;
  • è semplice da usare e non richiede installazioni ai muri;
  • è poco ingombrante, dal momento che le dimensioni sono contenute.

Per chi fosse maggiormente interessato, sono disponibili ulteriori informazioni cliccando qui o sulla seguente immagine.

-

Dal momento che si tratta di un prodotto esclusivo, Artic Air Cube non è disponibile presso i negozi fisici, come supermercati o rivendite specializzate, ma neanche nei siti di e-commerce online. L’unico modo per acquistare il prodotto originale è tramite il sito ufficiale della casa di produzione. Per completare l’acquisto, è sufficiente compilare un breve modulo con i propri dati personali, che saranno trattati nel rispetto della privacy, ed attendere la chiamata per la conferma dell’ordine. Al momento, il prodotto è in vendita al prezzo di 59 €, con spedizione gratuita. Il pagamento può essere effettuato sia tramite carta di credito o Paypal, sia in contrassegno, ossia in contanti al corriere al momento della consegna.

© Riproduzione riservata

Leggi anche