Heather Parisi risponde all'attacco di Stefano Gabbana
Heather Parisi risponde all’attacco di Stefano Gabbana
Gossip e TV

Heather Parisi risponde all’attacco di Stefano Gabbana

heatherparisi
heather parisi e gabbana

Heather Parisi ha commentato e risposto all'attacco ricevuto da Stefano Gabbana su Instagram.

Sembra che ultimamente il passatempo preferito di Stefano Gabbana, il famosissimo stilista italiano, sia attaccare personaggi che fanno parte del mondo dello spettacolo. Sono molti i commenti che lo stilista ha lasciato alle foto pubblicate dai vip: Miley Cyrus era stata definita un’ignorante e Selena Gomez “proprio brutta”.

L’ultimo attacco è stato lanciato a Heather Parisi, che ha appena concluso la sua esperienza nella giuria di Amici17. La showgirl aveva postato su Instagram una foto, poi rimossa, che la ritraeva col suo compagno. Tra i commenti è apparso quello di Gabbana che dice “ma sta stronza ancora che gira????”.

Spesso accade che i personaggi famosi si attacchino sui social dopo aver litigato. Ciò che lascia perplessi dei commenti dello stilista è che gli insulti che lancia sembra siano del tutto gratuiti. Per questo suo comportamento è stato criticato da diverse star dello spettacolo (tra cui Riccardo Marcuzzo, ex volto di Amici, e Tommy Dorfam, protagonista della serie “13 reasons why“) che lo hanno definito omofobo, misogino e sessista.

La risposta di Heather

La donna ha a sua volta deciso di replicare, e per farlo si è servita di un post sul suo profilo ufficiale.

Hetaher Parisi ironizza affermando che comportandosi in questo modo Gabbana “ha deciso di dichiarare al mondo intero la sua precoce demenza senile”. Poi ha spiegato che l’attacco dello stilista sarebbe arrivato “senza apparente motivo” e per concludere ha aggiunto il suo personale pensiero sull’uomo: “è uno di quei “closet case” che anche dopo aver fatto coming out, vive la propria sessualità con la rabbia e la frustrazione dell’omofobico. Che cattivo esempio di uomo, di gay e di italiano”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche