×

Hitler era ebreo? La verità dietro le parole di Lavrov

L'affermazione di Lavrov secondo cui Hitler sarebbe ebreo ha generato enormi polemiche. Ma cosa sappiamo sulle origini del dittatore?

Hitler ebreo

Cosa sappiamo sulle origini di Hitler? Era davvero ebreo? Queste sono solo alcune delle domande che sono risuonate dopo l’affermazione del ministro degli Esteri russo Lavrov secondo cui il dittatore avrebbe avuto origini ebraiche. Che ci siano effettivamente delle ipotesi al riguardo non è un fatto nuovo, ma le parole del ministro arrivano in una fase storica particolarmente calda e con un’Ucraina ormai profondamente dilaniata dal conflitto con la Russia.

Lavrov: “Anche Hitler aveva origini ebraiche”

Prima di comprendere quale sia la portata delle parole pronunciate da Lavrov, vale la pena fare un passo indietro ritornando proprio all’intervista fatta a Zona Bianca. Al ministro russo era stato infatti chiesto se non riteneva paradossale il fatto di accusare l’Ucraina di essere “nazista” e quindi da “denazificare”, quando il suo capo di Stato Zelensky è ebreo.

Di tutta risposta Lavrov ha spiegato: “Il nazismo nelle milizie ucraine esiste, tanto che i membri del battaglione Azov hanno sul proprio corpo tatuaggi di svastiche.

Loro, apertamente, leggono e sostengono il Mein Kempf. Quando dicono ‘che nazismo può esserci se siamo ebrei?’, io dico che anche Hitler aveva origini ebree, quindi non significa nulla”.

Hitler era dunque ebreo? Le ipotesi

Per indagare sulle origini del dittatore è necessario tornare molto indietro nel tempo. Pare infatti che il nonno di Hitler fosse ebreo. Il padre Alois era infatti figlio di Maria Schicklgruber e di un uomo la cui identità è ignota rendendolo di fatto figlio illegittimo.

Ed è proprio da questo punto che è partita l’indagine.

Durante il processo di Norimberga l’avvocato del dittatore Hans Frank arrivò ad affermare di avere delle prove al riguardo sul fatto che il padre di Alois e nonno di Hitler fosse tale Leopold Frankenberger, ebreo benestante che viveva a Graz. Questa tesi è arrivata fino ai giorni nostri ed esaminata in diverse pubblicazioni.

Le teorie sul nonno di Hitler

Le ipotesi che ruotano alle presunte origini ebraiche di Hitler sono contrastanti.

Nel 2019 in particolare – riporta QuotidianoNazionale – lo psicologo statunitense Leonard Sax affermò sul Journal of European Studies che il dittatore avrebbe sentito la necessità di dimostrare che non c’era “sangue ebraico” nelle sue vene.

Nel frattempo la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello, attraverso un comunicato ha condannato senza se e senza ma le parole di Lavrov: “Le affermazioni del Ministro degli Esteri russo Lavrov sono deliranti e pericolose […] senza contraddittorio, e senza che neanche l’intervistatore opponesse la verità storica alle menzogne che erano state pronunciate. Questo non è accettabile e non può passare sotto silenzio”.

Contents.media
Ultima ora