Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms - Notizie.it
Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms
Viaggi

Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms

Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms

Shan Thoms ha fotografato gli hotel abbandonati in Giappone. Dalle foto è emersa tanta malinconia e in qualcuna sembra di essere dentro un film horror

Hotel abbandonati

Siamo in Giappone uno dei paesi più affascinanti del mondo. Qui il mondo moderno si fonde benissimo con le antiche tradizioni. Il paese ha compiuto passi da gigante in avanti per riuscire a stare al passo con gli sviluppi della società. Tutti i cambiamenti tecnologici, culturali e sociali hanno anche portato però all’abbandono delle strutture non più all’avanguardia. Ci sono molti hotel, stabilimenti, industrie che fino a qualche decennio fa erano fiorenti. Ora purtroppo sono in pieno decadimento.

Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms

Il fotografo australiano Shane Thoms ha immortalato questi luoghi dimenticati ed ha riportato alla luce posti dimenticati. Ha pubblicato un libro che contiene gli scatti da lui fatti in giro per il Giappone. “Haikyo: The Modern Ruins of Japan“ è il suo titolo. Haikyo in giapponese significa rovine ma ha anche un altro significato. Con questa parola si rappresentano i luoghi abbandonati dall’uomo dove la natura rifà da padrona.

Oltre a fotografare quello che rimane di queste strutture ha cercato anche di trasmetterci la vita e le emozioni di chi ha vissuto quei luoghi.

Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms

Thoms oltre che un fotografo bravissimo è anche un grande appassionato di film horror. Sembra infatti che in alcune delle sue fotografie lui abbia dato anche un tocco lugubre all’immagine.

Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms

Guankanjima

Sempre Thoms si è spostato anche nell’isola a 15 km da Nagasaki dove un tempo vivevano i minatori. Anche qui è tutto abbandonato dal 1974 quando chiusero le miniere di carbone. Questa isola è impenetrabile e pochi conoscono la sua esistenza. Il fotografo è riuscito con una barca da pescatore a raggiungere la riva ed a fotografare la città fantasma. Davanti a lui un paesaggio spettrale anche questo uscito da uno dei film horror più cupi.

Hotel abbandonati in Giappone: le foto malinconiche di Shane Thoms

Insieme al suo staff ha visitato questi luoghi, percorso corridoi fatiscenti. Negozi ormai a pezzi, scale piene di muschio sono stati protagonisti di un survival horror.

Sembra che la natura in tutti questi casi si stia ingoiando ciò che l’uomo ha costruito. In effetti l’uomo per poter costruire abbatta piante, devia corsi dei fiumi e spiana montagne. Se l’uomo però abbandona le proprie costruzioni torna la natura a far da padrona. Sembra come nei film di fantascienza quando le piante si avvinghiano attorno alle cose e le ricoprono totalmente. Come per dire io c’ero prima di te ed ora riprendo il mio posto.

https://www.facebook.com

Il Giappone

Il Giappone a volte è oggetto di pareri molto contrastanti tra loro. Chi visita questo paese deve riuscire ad elaborare una propria visione e deve visitarlo avendo la mente più aperta possibile. Qui troverete una grande formalità del galateo giapponese ma di contro turbolente chiacchierate al bar. Potete visitare le asettiche gallerie piene di negozi e poi ritrovarvi in feste rurali molto genuine. Potete fare surf in una piscina con le onde ma potete anche passare le notti nei love hotel.

A chi piace la novità hanno anche le capsule hotel. Potete sedervi su un pavimento di tatami ed indossare uno yukata. Fare il bagno nella foresta in un onsen, assistere ad un combattimento si sumo. Potete anche giocare in una sala da pachinko. Parliamo di un paese con dei forti contrasti. Possiamo contrapporre lo sfrecciare dello Shinkansen alla danza di una geisha. Le spiagge delle isole del sud possono unirsi alle nevi di quelle del nord. Una tradizione di millenni va a braccetto con le nuove tendenze emanando un turbinio di emozioni ed impulsi. L’unica cosa da fare quando appoggiate i piedi sul suolo giapponese è massima apertura mentale e voglia di scoprire.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche